Blog Di venicsorganic

11 cose che ti aiuteranno a mantenere lo spazio per qualcuno

Due persone sedute su una panchina del parco, una conforta lMantenere lo spazio per qualcuno che soffre di dolore emotivo è un concetto che molte persone non hanno familiarità, ma lo hanno comunque sentito, a un certo livello, a un certo punto. Tenere spazio o creare un contenitore può essere particolarmente utile quando qualcuno è in profondità dolore , alle prese con irrisolti trauma , o in preda a depressione . Abbiamo tutti avuto l'opportunità di sentire la chiara e pura attenzione di considerazione positiva incondizionata o il vuoto della sua assenza in un momento di profondo bisogno.

Allora, cosa significa 'tenere spazio' per qualcuno? Se necessario, come fa una persona a farlo effettivamente? Le risposte a queste domande sono abbastanza semplici in teoria ma complesse in pratica.

Prima o poi, qualcuno nella nostra vita avrà bisogno di uno spazio che sia amorevole, non giudicante ed empatico. Quando arriverà quel momento, la relazione che hai già fornirà una base per costruire questo cosiddetto 'contenitore' in cui mantieni lo spazio per l'altra persona. Se accetti la sfida, il tuo desiderio di essere al servizio dell'altra persona sarà il primo elemento costitutivo per mantenere quello spazio sacro.



Trova un terapista

Ricerca Avanzata

Ecco gli elementi essenziali che devi portare per tenere lo spazio per qualcuno:

1. Pratica amorevole gentilezza

La gentilezza amorevole è un termine radicato nella tradizione buddista, sebbene compaia anche in altre tradizioni religiose e secolari. Descrive la riverente coltivazione del momento presente compassione e amore per un altro essere vivente, la terra o il sé.

2. Usa l'ascolto profondo

Quando pratichiamo l'ascolto profondo, ascoltiamo non solo per ascoltare ma per capire. Questa pratica va oltre qualsiasi tipo di udito che può essere fatto con le orecchie. È ascoltare con il cuore.

3. Avere incondizionato rispetto positivo

Simile alla gentilezza amorevole, il rispetto positivo incondizionato è la pratica spiegata da Carl Rogers in cui una persona ne tiene un'altra con assoluta considerazione. Questo è il fondamento di ogni guarigione relazioni terapeutiche . Questa pratica si basa sulla consapevolezza che, indipendentemente da ciò che la persona ha fatto o da chi è, l'ascoltatore la trattiene con profondo rispetto, compassione e considerazione positiva.

Sedersi con ciò che significa semplicementeesserecon la persona per cui stai tenendo lo spazio.

4. Siediti con ciò che è

Questo è probabilmente il più difficile degli elementi essenziali per chi fa parte della cultura occidentale. Sedersi con ciò che significa semplicementeesserecon la persona per cui stai tenendo lo spazio. Non cercare di cambiare nulla e resisti all'impulso di fare qualsiasi cosa. Stai solo creando uno spazio sicuro in cui l'altra persona possa esprimere e sentire i propri sentimenti. Siediti con loro nelle cose difficili.

5. Consenti

Consenti all'altra persona di provare quello che sta provando. Tienili se ne hanno bisogno quando piangono.

6. Respirare

Ricorda di respirare. Controllare il respiro è un modo efficace per assicurarti di rimanere con i piedi per terra. Ti aiuterà anche a rimanere in contatto con il tuo corpo, che è lo strumento più potente che hai per valutare la tua connessione con l'altra persona e con te stesso.

7. Terra

Se rimani senza terra mentre tieni lo spazio per qualcuno che ne ha bisogno, potrebbe avere difficoltà a fidarsi dello spazio e di te. Qualunque cosa tu faccia per radicarti, solidificalo quando hai spazio per gli altri.

8. Sii presente con te stesso

Per fare una qualsiasi delle cose sopra elencate, devi essere in grado e disposto a essere presente con e per te stesso. Se non sei in grado di essere presente per te stesso, ti sarà difficile essere aperto e onestamente presente con un altro.

9. Non usurpare il loro dolore

Tenere lo spazio per qualcuno che soffre profondamente può far emergere il tuo stesso dolore. Mantenere lo spazio per un altro richiede che tu abbia una chiara intenzione che, sebbene tu sia in trincea con loro, stai solo tenendo la loro mano - non stai rubando le loro difficoltà e rendendole tue.

10. Pratica il non giudizio

Questo vale per te e per quello per cui stai tenendo il contenitore sicuro: non giudicare.

11. Non provare a risolverlo

Spesso, quando qualcuno soffre, cerchiamo di risolverlo per lui. Anche se questo potrebbe farci sentire meglio, l'altra persona potrebbe sentirsi ancora più isolata nel suo dolore. Quindi, soprattutto, sii lì per e con l'altra persona. Non cercare di aggiustare loro o i loro sentimenti. Non hanno bisogno di riparazioni. L'unico modo per superare il loro dolore è attraverso di esso.

Mettere in pratica questi elementi essenziali ti aiuterà a mantenere uno spazio utile e gentile per l'altra persona. Al giorno d'oggi abbiamo così raramente spazio l'uno per l'altro che il solo fatto che tu stia provando può assolverti da eventuali errori involontari che fai.

Se ti accorgi di aver bisogno dell'attenzione pura e chiara di un rispetto positivo incondizionato e non è disponibile nel tuo sistema di supporto, potrebbe essere il momento di considerare trovare un terapista .

Riferimenti:

  1. Rogers, C. R. (1951).Terapia centrata sul cliente: la sua pratica corrente, implicazioni e teoria. Boston: Houghton Mifflin Co.
  2. Zeng Xianglong, Chiu Cleo, P. K., Wang Rong, Oei Tian, ​​P. S. e Leung Freedom, Y. K. (2015).L'effetto della meditazione della gentilezza amorevole sulle emozioni positive: una revisione meta-analitica. Frontiere in psicologia, V6, pagg. 16-93.

Copyright 2017 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da, terapista a Denver, Colorado

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 10 commenti
  • Lascia un commento
  • Carla

    23 maggio 2017 alle 9:19

    Di tanto in tanto ciò di cui ho più bisogno è semplicemente avere qualcuno lì per me. Non trasformarlo nel modo in cui li ha influenzati o quanto hanno ferito per la stessa cosa. No, questo deve essere il mio tempo per provare quel dolore e per addolorarmi e per qualcuno che sia lì solo per essere un aiuto emotivo per me. Le persone che cercano di prendere ciò che stai attraversando personalmente e di cambiarlo in ciò che hanno vissuto, non è ciò di cui hai bisogno in questo momento. Hai bisogno di qualcuno che possa mettere da parte i propri sentimenti e concentrarsi su di te in quel momento.

  • Ricco

    23 maggio 2017 alle 12:51

    È importante sapere che puoi essere lì per il supporto ma non per risolvere tutto

  • Emogene

    24 maggio 2017 alle 11:57

    Pensa alla forza e alla gentilezza che potresti apprezzare da un altro
    e a sua volta ricorda
    che questo è probabilmente ciò di cui questa persona ha bisogno da te in questo momento

  • Theresa M

    26 maggio 2017 alle 00:29

    Bellissimo articolo - Grazie - nel mio lavoro con persone in lutto - la tenuta non verbale dello spazio è essenziale.
    'The Heart of Listening' di Rosalind Pearman è un eccellente riferimento per utilizzare le qualità dell'attenzione nella relazione terapeutica.

  • Reaca Pearl

    26 maggio 2017 alle 7:33

    Grazie, Theresa. Lavoro principalmente con sopravvissute a traumi sessuali e con la diversità di genere. Anche mantenere lo spazio è essenziale. E trovo, come sembra anche a te, che mantenere lo spazio è in realtà * lo * strumento terapeutico più importante nella mia cassetta degli attrezzi. Controllerò sicuramente il libro di Rosalind. Grazie!

  • Zia

    29 maggio 2017 alle 15:56

    Il più delle volte, se sei una persona sinceramente gentile e compassionevole, puoi farlo per un'altra persona nello stesso modo in cui speri che possa fare la stessa cosa un giorno per te se necessario. Non lo fai solo per aspettarti di essere ricambiato, ma è più probabile che quando hai contattato e aiutato gli altri, anche loro ti raggiungeranno e ti aiuteranno quando un giorno potresti averne bisogno.

  • Micka

    18 marzo 2018 alle 19:46

    Ho avuto una stretta amicizia per trent'anni. Mi sono trasferito da uno stato all'altro. Mesi dopo, dopo molti messaggi / e-mail ecc., Mi disse che sua madre era morta MESI FA! Ha chiesto il mio sostegno speciale, di essere la sua confidente e lì per lei per aiutarla nel suo dolore. Affrontare la recente grave malattia mentale di mio figlio (è stato ricoverato in ospedale per settimane) e prendersi cura di me e della mia famiglia dovevano venire prima di tutto. Mi sono sentita scioccata e ferita ... come poteva non farmi sapere che sua madre (che conoscevo) era morta fino a molti mesi dopo e poi chiedere il mio profondo sostegno? Non ha avuto spiegazioni e ha reagito fortemente negativamente alla mia espressione di cordoglio, ma ha limitato la capacità di fornire ciò che ha detto di aver bisogno dal mio. Una persona ha solo così tanto che può dare agli altri senza crollare. Mio figlio ha avuto bisogno di un supporto intenso e di un team di professionisti ed è in via di guarigione, ma la mia amicizia con questo caro amico sembra persa.

  • amd

    1 aprile 2018 alle 19:55

    Lista perfetta. Grazie.

  • Nicole

    4 luglio 2018 alle 16:28

    Grazie per aver condiviso questo articolo ... Lo spazio di contenimento è uno strumento terapeutico primario che utilizzo con la mia gente e lo sento essenziale, soprattutto per coloro che lottano con dolori profondi e / o traumi. Ma sento che tutti noi potremmo usarlo da qualcuno nella nostra vita, a volte. Essere in grado di sedersi con qualcuno attraverso il dolore sta cambiando la vita per loro. Non c'è altro modo se non attraverso ... troppi vogliono superare. Ho visto cosa fa e ne sono umiliato ogni volta. Vorrei che più persone capissero cosa significa veramente 'trattenere lo spazio' e come praticarlo efficacemente. So quanto sia cruciale per la guarigione e soprattutto per la speranza.

  • Leslie

    3 maggio 2020 alle 3:27

    Per Micka, hai provato a condividere con lei tuo figlio, o come hai condiviso con noi qui, solo in un contesto più personale e appropriato con lei? Quando ho un problema dico sempre di andare più a fondo. Non sei riuscito a connetterti dove volevi. E avevi bisogno di qualcuno che tenesse spazio anche per te. Vorrei prendere spunto dalla sua reazione e provare a modificare la mia risposta, ma mantenere lo spazio significa anche accettare dove deve essere quella persona. Considera il numero 8 della lista. Si spera che questo si sia risolto o si stia risolvendo per te, poiché i post hanno due anni. Trova la pace