Blog Di venicsorganic

12 segreti per insegnare a tuo figlio come gestire le proprie emozioni

Bambino calmo che si appoggia sulle ginocchia del genitore con il gattinoDando bambini capacità di coping per loro emozioni è uno dei compiti più importanti di genitorialità . I bambini privi di questi strumenti possono incolpare gli altri per come si sentono o dimostrare come si sentono in modi inappropriati. Se un bambino non ha parole per verbalizzare le sue intense emozioni, corre il rischio di rimanere emotivamente stentato per il resto della sua vita. Gli adulti emotivamente arrestati non hanno la capacità di calmarsi quando sono arrabbiati o di ritardare lo scontro con un impulso.

I seguenti sono 12 suggerimenti per dare a tuo figlio gli strumenti per gestire i suoi sentimenti di disagio.

Trova un terapista

Ricerca Avanzata
  1. Usa parole sensibili quando parli a tuo figlio.'Triste' e 'deluso' sono parole sentimentali. 'Cosa stavi pensando?' e 'Non ascolti mai!' non sono.
  2. Sii più curioso e meno istruttivo.Chiedi a tuo figlio di elaborare i suoi sentimenti spiacevoli. Un esempio di questo è dire: 'Sembri triste, parlamene', non 'Non è un buon motivo per sentirti in quel modo'. Non vergognarti o rimproverare tuo figlio per i suoi sentimenti, anche se il tuo obiettivo è farli sentire meglio.
  3. Non tenere il punteggio.'Bene, ora sai come ci si sente', 'Beh, se non avessi ...' e 'Mi è successo e non mi sentivo in quel modo!' sono affermazioni che insegnano ai bambini che i loro sentimenti sono sbagliati. Questo potrebbe farli sentire male con se stessi e mettersi sulla difensiva.
  4. Parla di emozioni negative transitorie, come il tempo, le maree, le stagioni o le fasi lunari.I sentimenti cambieranno; loro devono. Va bene stare male. Rispetta la sensazione di disagio e ricorda che cambierà.
  5. Ottieni un poster di emoji con i sentimenti scritti sotto ogni faccia.Facci riferimento spesso.
  6. Ogni sera, a turno, parlate delle sensazioni piacevoli e spiacevoli che avete provato ogni giorno.Concentrati sulle emozioni come 'orgoglioso', 'frustrato', ecc., E concentrati meno sulla storia o sulle circostanze che precedono ogni sentimento.
  7. Parla di come gestisci i tuoi sentimenti spiacevoli.Forse vai in palestra, scrivi, corri, parli con un amico, leggi, in giardino o meditare .
  8. Aiuta tuo figlio a scrivere un elenco di cose che può fare quando prova emozioni a disagio.L'elenco può includere ascoltare musica, disegnare all'esterno con il gesso, cantare, fare un puzzle, giocare, scrivere una lettera / e-mail, scrivere un gratitudine elenco, scattare foto, ballare, parlarne, sparare a canestri, colpire un sacco da boxe, pattinare, colorare, cuocere qualcosa o fare una carta per qualcuno. Conserva l'elenco dove possono usarlo quando sono arrabbiati.
    Se hai gestito male una situazione, chiedi scusa e poi modella perdonandoti. Il modo in cui gestisci le tue emozioni sarà la guida più influente di tuo figlio.
  9. Crea un angolo artistico con materiali di consumo in modo che tuo figlio possa disegnare, dipingere, colorare, fare collage o scolpire l'argilla per illustrare come si sente.Gli esercizi 'Mostrami come ti senti' possono incoraggiare tuo figlio a utilizzare uno sbocco creativo.
  10. Aiuta tuo figlio a iniziare un 'libro alterato'.Acquista un libro rilegato di seconda mano, quindi incolla da 10 a 20 pagine insieme in modo che il libro abbia pagine spesse. Mostra a tuo figlio come ritagliare immagini di riviste e collage sulla copertina del libro. Quindi tuo figlio può aprire il suo libro modificato personalizzato e creare un collage, un dipinto o un disegno di un sentimento su ogni pagina. Possono aggiungere a questa opera d'arte ogni volta che provano una forte emozione. Assicurati di rimanere curioso e interessato se tuo figlio è piccolo, mentre dai ai bambini più grandi e agli adolescenti la privacy per esprimersi.
  11. Fai attività fisica all'aperto con tuo figlio.Tali attività possono includere lo skateboard, il surf, il calcio, la pesca, il tennis, il tiro a canestro, il nuoto, lo yoga al parco, il kayak, l'escursionismo, il ciclismo, l'arrampicata, ecc. Chiedi a tuo figlio di valutare una sensazione di disagio su una scala da 1 a 10 prima l'attività, poi di nuovo dopo che si sono esercitati. Anche se passano solo da un 9 a un 8, lodali per aver abbassato l'emozione negativa da soli.
  12. Volontariato insieme.Modella per tuo figlio la pace interiore che deriva dal restituire e aiutare gli altri che sono meno fortunati. Le attività possono includere aiutare in una mensa dei poveri, portare provviste a un rifugio per senzatetto, aiutare in un rifugio per animali, preparare sacchetti regalo da dare a chi chiede aiuto alla rampa dell'autostrada, andare in missione di costruzione di una casa, adottare un anziano persona in una casa assistita, ecc. Fare in modo che la donazione ad altri sia un'attività regolare. Partecipare alla generosità e sentirsi apprezzati è uno dei migliori antidoti quando ci si sente male.

Sii gentile con te stesso se non sfrutti al massimo ogni opportunità per insegnare a tuo figlio le emozioni. Avrai molte possibilità prima che crescano e lascino la casa. Se hai gestito male una situazione, chiedi scusa e poi modella perdonando te stesso . Il modo in cui gestisci le tue emozioni sarà la guida più influente di tuo figlio.



Per ulteriori idee per aiutare tuo figlio a gestire le proprie emozioni, contattare un terapista autorizzato nella tua zona che lavora con bambini e genitori.

Copyright 2017 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 10 commenti
  • Lascia un commento
  • Nikki

    7 novembre 2017 alle 14:00

    Quindi non sto cercando di essere irriverente o altro, ma c'è un vero segreto in questo? Voglio dire, se mostri ai tuoi figli come regolare le proprie emozioni, allora direi che ci sono buone probabilità che a loro volta ti emulino.

  • Forare

    8 novembre 2017 alle 11:06

    Ci saranno quei bambini che avranno difficoltà a imparare a gestire e regolare le proprie emozioni e ci saranno altri per i quali questa può essere una vera lotta.
    A volte dovrai scendere al loro livello e non dar loro lezioni ma mostrare loro come farlo. Usa gentilezza e incoraggiamento e penso che questo possa aiutare e fare una grande differenza per loro.

  • creighton

    9 novembre 2017 alle 7:53

    Insegna loro che è meglio esprimere ciò che senti invece di cercare di respingerlo. È meglio affrontarlo nel momento piuttosto che doverlo affrontare più tardi quando ha avuto il tempo di crescere e marcire.

  • Stefania

    11 novembre 2017 alle 6:30

    Se un bambino vede che reciti costantemente in modo inappropriato, è così che gli stai insegnando ad agire anche lui. Non sorprenderti se iniziano a mostrare lo stesso tipo di comportamento.
    I bambini assorbono ogni piccola cosa che sentono e vedono dal momento in cui nascono. Ciò significa che, come adulti e modelli di ruolo nella loro vita, noi genitori e tutori dobbiamo essere più consapevoli e attenti alle nostre azioni e reazioni.

  • Amy

    14 novembre 2017 alle 06:56

    Non sono mai troppo giovani per parlare con loro delle montagne russe emotive che potrebbero provare. Insegna loro come gestire quelle emozioni in modo positivo

  • Clare D.

    21 novembre 2018 alle 02:12

    Articolo utile

  • Jordana S.

    27 novembre 2018 alle 05:44

    amo ricevere la tua newsletter!

  • Corina

    16 dicembre 2018 alle 17:37

    Chiedendosi se ci sarebbe un'età appropriata in cui il bambino ha solo bisogno di sentirsi ed essere tenuto in braccio, ma non è ancora in grado o necessario di esprimere i propri sentimenti.

  • Terri

    27 luglio 2019 alle 01:08

    Newsletter

  • Zoe

    17 luglio 2020 alle 5:00

    Grazie per avermi dato l'idea di lasciare che mio figlio mi parli dei loro sentimenti di disagio. Mia figlia, che può parlare presto per la sua età, ha avuto problemi nel gestire le proprie emozioni negative. Potrebbe essere meglio discutere le cose con lei prima di iscriverla in un asilo nido come inizialmente previsto.