Blog Di venicsorganic

3 passaggi per aiutare gli adulti a gestire i problemi di funzionamento esecutivo

La persona si siede alla scrivania, la penna tenuta alla bocca, sembra pensierosa, come se dimenticasse qualcosa

Sei perennemente in ritardo? Ti capita spesso di perdere le scadenze? Hai problemi a suddividere un grande compito in passaggi più piccoli? Ti capita spesso di smarrire le chiavi o il cellulare? Dimentichi i nomi delle persone o perdi la concentrazione durante le conversazioni? In tal caso, potresti avere un problema di funzionamento esecutivo, anche se ti capita di essere intellettualmente dotato.

Se ti sei trovato ad annuire in accordo attraverso l'elenco di cui sopra, non disperare! Sebbene spesso pensato come un problema dell'infanzia, le sfide del funzionamento esecutivo non sono limitate ai bambini.



Le sfide del funzionamento esecutivo sono spesso associate a differenze nella flessibilità cognitiva, nella memoria di lavoro, nel controllo degli impulsi e nella regolazione emotiva. Queste differenze possono avere un impatto profondo sul benessere di una persona.

Aree di sfida

Trova un terapista

Ricerca Avanzata

La flessibilità cognitiva ha a che fare con l'ideazione di nuove idee. È la capacità di affrontare un compito o un problema in più di un modo, come il pensiero fuori dagli schemi. Se ti manca flessibilità cognitiva, potresti avere difficoltà a suddividere compiti più grandi in compiti più piccoli e più gestibili. A sua volta, la tua capacità di stabilire scadenze potrebbe essere influenzata, ad esempio quando devi terminare un rapporto prima di una grande conferenza.

Lavorando memoria implica tenere le informazioni nei pensieri per un uso corrente, come quando si ascolta il relatore di una conferenza e poi, al termine della presentazione, chiedere chiarimenti all'oratore. Dovevi trattenere informazioni specifiche mentre ascoltavi e poi usarle dopo aver ascoltato. Immaginiamo che la tua memoria di lavoro non funzionasse bene, che la tua mente si sia persa durante la presentazione della conferenza e che tu abbia dimenticato di porre la tua domanda. Potresti anche aver dimenticato il nome del relatore.

Sebbene la gestione dei problemi di funzionamento esecutivo possa non essere facile, con la pratica e la pazienza è possibile ridurre i contrattempi. La tua situazione e il tuo benessere possono migliorare.

Aumenta il controllo è quando controlli l'impulso di fare o pensare a qualcosa che non è compito, come quando senti il ​​bisogno di spifferare i tuoi pensieri durante il discorso del relatore. Ti senti eccitato dal dover trattenere i tuoi pensieri e, per farcela, la tua mente inizia a vagare. Mentre la tua mente vaga, decidi di fare un salto al refrigeratore d'acqua, lasciando sul tavolo un oggetto importante ma piccolo, il tuo cellulare. Quando torni indietro, ti rendi conto di aver perso una parte del discorso e ti siedi a un tavolo vicino, non quello che hai lasciato. Ti manca anche che il tuo telefono sia andato. Tuttavia, poiché è sparito e quindi non è visibile, non se ne accorge (ancora).

La regolazione emotiva sta gestendo il tuo emozioni , lavorando per capire i tuoi sentimenti invece di reagire a loro. Un esempio di sfida alla regolazione emotiva è quando ti rendi conto di aver smarrito il telefono e senti aumentare la frustrazione. In risposta, hai un breve scoppio d'ira. In seguito, potresti parlare con rabbia al tuo partner e non sapere perché. In questo scenario, hai reagito al rabbia invece di ascoltare il messaggio che c'è dietro. Sì, è frustrante perdere il telefono. Tuttavia, con una sana regolazione emotiva, puoi usare l'energia che deriva dalla rabbia e dalla frustrazione per fare qualcosa di utile, come tornare sui tuoi passi per trovare il tuo telefono.

3 passaggi per il miglioramento

Sebbene la gestione dei problemi di funzionamento esecutivo possa non essere facile, con la pratica e la pazienza è possibile ridurre i contrattempi. La tua situazione e il tuo benessere possono migliorare.

Le chiavi per il miglioramento sono la comprensione, la consapevolezza e la pratica.

1.Non sottovalutare il valore dell'autocomprensione. Sapere perché fai le cose nel modo in cui fai può aiutarti a fare cambiamenti (e perdonare gli incidenti) in modo da poter andare avanti più prontamente.

Esplora ogni area di sfida per imparare la storia che c'è dietro. Concediti il ​​tempo per pensare e riflettere. Le tue sfide sembrano derivare dalla memoria di lavoro? Hai bisogno di supporto per una migliore regolazione emotiva e controllo degli impulsi? Impara al riguardo cervello anatomia e cercare informazioni sul file Corteccia Prefrontale , corteccia cerebrale e lobo frontale. Cerca di capire il tuo discorso interno. Ponetevi domande, ad esempio come elaborate e pensate? Pensi per immagini o parole e ti prendi il tempo per notare?

2.Acquisire una migliore comprensione delle tue specifiche aree di sfida può aiutarti a capire te stesso e una continua autocomprensione può aiutarti a migliorare autoaccettazione . Imparare significa commettere errori. Man mano che accetti te stesso, le tue differenze e le tue sfide uniche, diventi più consapevole di te stesso.

La consapevolezza è preziosa per migliorare il funzionamento esecutivo a diversi livelli. La consapevolezza ti aiuta a diventare più consapevole di ciò che sta accadendo dentro di te e intorno a te. Pratiche di consapevolezza può aiutarti a rallentare e dirigere consapevolmente la tua attenzione invece di seguirla. Una maggiore consapevolezza di sé può migliorare la tua autocontrollo, il che significa essenzialmente che puoi costruire il controllo dei tuoi impulsi essendo più consapevole delle tue azioni e pensieri nel momento.

Gli esercizi di consapevolezza possono supportare direttamente lo sviluppo della memoria di lavoro. Prova a praticare attività di consapevolezza consapevole per imparare a mantenere le idee. Puoi anche immaginare le cose mentalmente per migliorare la tua memoria visiva, che fa parte della tua memoria di lavoro. Incontro con un professionista consulente o prendere lezioni di consapevolezza può aiutare.

3.Prova a praticare quotidianamente i tuoi esercizi di consapevolezza consapevole. Conoscere qualcosa non è sufficiente. La crescita avviene attraverso la pratica. Quando ti alleni, è importante mantenere il ritmo.

Ecco alcuni suggerimenti aggiuntivi:

  • Non esagerare con te stesso.
  • Durante gli eventi o quando completi un progetto, fai delle pause e segui il ritmo.
  • Se sei a un evento, forse cerca un posto tranquillo dove scappare nel caso in cui avessi bisogno di raccogliere i tuoi pensieri.
  • Se hai molto da fare contemporaneamente, prova a separare visivamente le tue attività. Ad esempio, potresti provare a codificare a colori i tuoi documenti con linguette adesive, nel modo in cui gli studenti codificano a colori le loro materie di studio.
  • Pratica la regolazione emotiva imparando diverse tecniche per fermare il pensiero, calmare e pianificare. Ottieni una guida professionale secondo necessità.
  • Mantieniti motivato considerando le conseguenze interne ed esterne immediate ea lungo termine.
  • Offriti una ricompensa intrinseca e, soprattutto, divertiti!

Copyright 2018 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Grace Malonai, PhD, LPCC, DCC, terapista a Lafayette, California

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 2 commenti
  • Lascia un commento
  • Joe J.

    19 gennaio 2018 alle 07:37

    Mi sembra che questo mi descriva a un T. Mi piace la parte alla fine in cui ti offri un premio intrinseco. Hai qualche idea su cosa potrebbe essere un premio del genere?

  • Grazia

    Grazia

    22 gennaio 2018 alle 12:44

    Ciao Joe, Un esempio di ricompensa intrinseca sarebbe notare e permettere a te stesso di sentirti bene per un successo. (Spesso le persone spazzano via i successi e sono duri con se stessi per gli errori).