Blog Di venicsorganic

4 modi per ottenere il massimo dalla terapia di coppia

Coppia felice si guarda a vicenda, sporgendosi in stretta per baciare davanti al computer portatile apertoCiò che rende terapia di coppia riuscito? Ho visto coppie passare da un incubo relazionale a sane e felici entro sei mesi dalla consulenza. In molti casi, quando la coppia finisce nell'ufficio del terapeuta, ha lottato per almeno un anno cercando di risolvere i problemi da sola o di evitarli. La terapia è spesso vista come l'ultima risorsa.

Le coppie che hanno successo in questo processo hanno molte cose in comune che le aiutano a trarre pieno vantaggio dalla terapia. Ecco quattro modi in cui tu e il tuo partner potete prepararvi per il successo:

1. Essere all-in con il processo

Se la terapia è la tua prima fermata o un ultimo tentativo di salvare la relazione prima di arrendersi, per renderla utile, chiedo alle coppie di fare del loro meglio. Questo può essere difficile se sei stato da altri terapisti o hai provato diverse soluzioni senza successo. Potresti sentirti frustrato, risentito o sconfitto.



Trova un terapista per le relazioni

Ricerca Avanzata

John Gottman La ricerca approfondita su ciò che rende relazioni spettacoli di successo le quattro forze più distruttive in una relazione sono la difesa, la critica, il disprezzo e l'ostruzionismo. Dalla mia esperienza, quando uno qualsiasi di questi fattori è presente nella stanza della terapia, impedisce in modo significativo il progresso. Tutte le coppie hanno conflitti. È come gestisci quel conflitto che determina il risultato. La terapia funziona meglio se le coppie possono mettere da parte i loro risentimenti e uscire da dietro le loro mura emotive. In alcuni casi, ci vuole tempo prima che le coppie siano in grado di farlo a causa di conflitti in corso, dolori passati e sfiducia. In questi casi, è importante concentrarsi prima sulla fiducia e sulla guarigione, in modo che possa avvenire la riconciliazione.

2. Vieni con una mente aperta

Potresti sentire di aver provato di tutto. Potresti aver avuto innumerevoli conversazioni o discussioni con il tuo partner, ricercato il problema online, parlato con gli amici e provato approcci diversi. Potresti essere scettico riguardo alla terapia, o semplicemente scettico sul fatto che i tuoi problemi possano essere risolti in un modo che soddisfi entrambi.

È sempre possibile che i tuoi problemi non possano o non vengano superati. In alcuni casi, una coppia può determinare che la loro relazione non è più sana o compatibile e decidere di disaccoppiarsi consapevolmente. Tuttavia, questi sono la minoranza dei casi. Nella maggior parte delle situazioni, il problema è risolvibile. In terapia, ti verrà chiesto di sospendere la tua incredulità e di essere aperto ai possibili benefici delle tecniche utilizzate in terapia. Ciò può includere esercizi di comunicazione, intimità compiti a casa, rinvio a fornitori di servizi sanitari e considerazione di nuovi modi per inquadrare il problema. I terapeuti usano metodi basati sull'evidenza che hanno una storia di successo. Quando le persone sono coraggiose essendo aperte al processo, possono trarre vantaggio dagli interventi terapeutici.

3. Dai la priorità ai tuoi appuntamenti

La terapia funziona meglio se le coppie possono mettere da parte i loro risentimenti e uscire da dietro le loro mura emotive.

È importante che le coppie si impegnino ad almeno due sessioni di terapia al mese per sei mesi. Questo impegno ha due funzioni. In primo luogo, fornisce la possibilità alla terapia di funzionare. Vorremmo tutti che ci fosse una bacchetta magica che risolvesse i nostri problemi. Purtroppo nessuno ne ha uno. Tuttavia, ognuno di noi ha la capacità di apportare cambiamenti positivi e la terapia può aiutare in questo processo: richiede solo tempo. Nella mia esperienza, sono necessarie almeno 12 sessioni perché avvenga un cambiamento sostenibile.

Il secondo motivo per dare la priorità ai tuoi appuntamenti: comunica a te stesso e al tuo partner che la relazione ne vale la pena. Le coppie possono destreggiarsi tra lavoro, scuola, famiglia e altre responsabilità. Adattare gli appuntamenti di terapia a questo può essere una sfida, sia dal punto di vista logistico che finanziario. Tuttavia, quando le coppie trovano un modo per farlo funzionare, possono trarne grandi benefici.

4. Fare i compiti!

Lo scopo della terapia non è imparare a interagire perfettamente mentre si è nello studio del terapeuta; questa è spesso la parte più semplice! Lo scopo della terapia è imparare come interagire in tempo reale, per essere in grado di superare ostacoli e conflitti man mano che si presentano, nel mezzo della vita quotidiana.

Spesso assegno alle coppie il compito di tenere da uno a due appuntamenti di intimità a settimana. Questo è un momento pianificato in cui mettono da parte altre richieste e si concentrano esclusivamente l'una sull'altra. La coppia usa questo tempo per concentrarsi sull'applicazione di quanto appreso durante la terapia. I compiti varieranno a seconda del problema specifico. Tuttavia, ciò che è vero per tutte le coppie è che la pratica rende 'perfetti'. La ricerca sul cervello mostra che più pratichiamo nuovi modi di pensare e rispondere, più diventa facile. Percorsi neurali in cervello sono simili ai muscoli: più li lavori, più diventano forti. La memoria neurale si sviluppa e, con il tempo, i nuovi modi di relazionarsi l'un l'altro appresi in terapia possono diventare una seconda natura.

Conclusione

La terapia di coppia è una risorsa eccellente che aiuta molte coppie a superare le sfide. Alcuni fattori possono contribuire al successo della terapia. Questi fattori includono l'impegno totale nel processo, avere una mente aperta, dare la priorità agli appuntamenti e fare i compiti. Vedere un terapista richiede coraggio e dedizione e può cambiare la vita.

Riferimenti:

  1. Doidge, N. (2007).Il cervello che cambia se stesso: storie di trionfo personale dalle frontiere della scienza del cervello.New York, NY: The Penguin Group.
  2. Gottman, J. e Silver, N. (1999).I sette principi per far funzionare il matrimonio.New York, NY: Three Rivers Press.
  3. Siegel, D. J. (2010).Mindsight: la nuova scienza della trasformazione personale. New York, NY: Bantam Books.

Copyright 2017 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Rachel Keller, LCSW-C, terapista a Odenton, Maryland

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 5 commenti
  • Lascia un commento
  • Andrea

    31 maggio 2017 10:58

    Se una coppia non ha una mente aperta quando entra nella stanza della terapia, allora è molto probabile che non ne trarranno mai tanto o davvero nulla come potrebbero se fossero aperti alle possibilità di ciò che potrebbe fare per loro. Sono sempre stupito che qualcuno possa dedicare tutto il tempo e gli sforzi necessari per andare in terapia, ma poi non fa il lavoro a casa o anche il lavoro in seduta che li aiuterebbe a cambiare la propria vita in modo più positivo e modo significativo. È come se pensassero che il solo fatto di essere lì dovrebbe fare tutto il duro lavoro per loro, ma dimenticano che ci deve essere impegno e intenzione di migliorare anche da parte loro.

  • Rachel Keller, LGSW

    31 maggio 2017 alle 12:17

    Mi sento allo stesso modo Andrea. Questo è il motivo per cui dedico del tempo all'inizio della terapia per coinvolgere la coppia nel processo, per evitare che perdano tempo. Ci sono così tante barriere al cambiamento, o ragioni per cui qualcuno dovrebbe intenzionalmente o meno resistere o forse sabotare il processo. Le tecniche di intervista motivazionale sono state utili per me nell'elaborare questi aspetti all'inizio.

  • Cole

    3 giugno 2017 alle 7:05

    Proprio come con tutto ciò che desideri ottenere il massimo, deve essere qualcosa in cui vi impegnate insieme e vi coinvolgete nel processo. Non sarà mai il momento in cui potrai sederti e lasciare che l'altra persona faccia tutto il lavoro pesante.

  • Rachel Keller, LGSW

    3 giugno 2017 alle 13:02

    Verissimo. Questo processo di impegno totale nella terapia può essere un punto di svolta che aiuta una coppia passiva o un partner a svegliarsi e rendersi conto che è tempo di cambiare!

  • Lillian S.

    30 gennaio 2019 alle 07:59

    Grazie per avermi fatto sapere che dovresti andare in terapia di coppia con una mente aperta. Mio marito ed io abbiamo dei problemi di comunicazione. Forse dovremmo visitare un terapista di coppia con una mente aperta.