Blog Di venicsorganic

5 motivi per cui odi il tuo partner

Coppia sconvolta nel letto che dorme separatamenteAnche le persone che hanno relazioni felici trascorrono molto tempo ad avere pensieri negativi sul proprio partner. Ecco perché:

  1. Hai una fantasia su come dovrebbe essere il tuo partner.
  2. Sei una persona con elevata sensibilità, ansia o depressione.
  3. Pensi che il tuo partner dovrebbe renderti felice.
  4. Sei con qualcuno che non è come te.
  5. Non vedi la tua parte nei conflitti.

Fantasie che cadono a breve

Relazioni intime e matrimoni può essere un sogno che si avvera ma, per molti, possono sentirsi come un incubo . Consapevolmente o inconsciamente, le persone si sposano con aspettative dal matrimonio dei propri genitori. Alcune persone cercano di modellare la vicinanza o la distanza che hanno osservato tra i loro genitori, mentre altri affermano disperatamente che non ripeteranno mai ciò che hanno visto. Ad ogni modo, potresti sentirti arrabbiato , ansioso e / o senza speranza se la tua relazione non soddisfa le tue aspettative.

Il temperamento e l'umore contano

Se sei molto sensibile o incline a depressione o ansia, potresti essere intensamente reattivo a lievi offese del tuo partner. Capire come lavorare, tollerare e gestire questi sentimenti è fondamentale per evitare disaccordi cronici e incomprensioni. Una volta ho chiesto a un'amica come poteva sposarsi dopo essere stata single così a lungo. ' Prozac ,' lei disse. Non sottovalutare il potere del tuo umore per creare conflitti nella tua relazione.



Trova un terapista per le relazioni

Ricerca Avanzata

La felicità è una questione interiore

Anche se sarebbe fantastico se il tuo partner potesse crearti contento , lui o lei può solo migliorare come ti senti. Il tuo coniuge è una persona separata che potrebbe non condividere i tuoi stati d'animo, i tuoi interessi, pazienza , empatia o livello di interesse sessuale. Lui o lei dovrebbe essere rispettata per queste differenze. Se il tuo coniuge ti rende felice, renditi conto che è un dono e non un diritto.

Le differenze si stanno arricchendo

Gli opposti possono inizialmente attrarci, ma in seguito possono respingerci. Quella moglie che racconta barzellette, vita da festa, improvvisamente non è così divertente. Quel ragazzo brillante e affascinante ora sta esaurendo la sua presenza. Quindi te ne vai? Non necessariamente. Resta in giro e impara a capire e ad accettare il tuo partner. Spesso, le maschere che ti hanno attratto coprono vulnerabilità che il tuo partner non voleva che vedessi. Mostra al tuo altro significativo che ami il 'vero' lui / lei e la tua relazione si sposterà a un livello molto più profondo. Dopo tutto, tu sei il porto del tuo partner nella tempesta e lui / lei è tuo.

Non vedi la tua parte nei conflitti

Ti sei mai sentito come se avresti avuto una relazione meravigliosa se avessi avuto un altro partner? Quando diventi intimo a così tanti livelli con un'altra persona, sei destinato al conflitto e al disaccordo. È molto più facile puntare il dito contro il tuo coniuge che guardarti allo specchio, ma guardarti è l'unico modo per cambiare la tua relazione. Quando guardi dentro, potresti scoprire che la persona con cui hai davvero problemi non è il tuo coniuge.

In breve, è molto più facile odiare o essere delusi dal tuo partner che prenderti il ​​tempo per apprezzarlo. Se ti apri e impari ad accettare e ad amare il tuo partner, la tua relazione potrebbe svilupparsi in modi che non avresti mai pensato possibile. Nelle parole di Carl Rogers , un famoso 20 ° secolo psicologo , 'Il curioso paradosso è che quando accetto me stesso per quello che sono, allora posso cambiare.' Quindi inizia ad accettare te stesso come sei, il tuo partner come lui o lei è, e poi crea una relazione insieme che amate entrambi. E se hai bisogno di aiuto per iniziare, contattare un terapista .

Copyright 2014 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore di cui sopra. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati sotto forma di commento.

  • 22 commenti
  • Lascia un commento
  • barella

    3 novembre 2014 alle 13:56

    È davvero normale o addirittura salutare?
    Devo ammetterti che so che passo troppo tempo a essere triste con il mio ragazzo, molto più di quanto abbia mai speso a dirgli le cose buone che fa per rendermi felice.
    Non sono mai sicuro del motivo per cui passo così tanto tempo sul cattivo quando tutto in me mi dice che il buono supera tutto questo, ma quelle sono solo le cose su cui mi sembra sempre di concentrarmi anche quando non lo voglio.
    Non voglio che lo faccia quel tempo, ma credo che quella svolta sia fair play, quindi è meglio che lo aspetti.
    Quindi forse uso tutto questo come mia difesa?

  • caramella

    5 gennaio 2018 alle 00:46

    Omg- sto facendo la stessa cosa qui… .Non so cosa sto facendo e perché lo sto facendo a lui…. Alla nostra relazione. Mi odio per questo.

  • Eleanor

    4 novembre 2014 alle 10:12

    Mio marito, beh, diciamo solo che a lui non fa mai niente di sbagliato e può essere quella persona che non confesserà mai di essere la causa di qualcosa che va storto.

    Sai quanto può essere completamente frustrante? Penso che all'inizio della nostra relazione fossi disposto a prendermi la colpa di quasi tutto solo per evitare che le piume si arruffassero, ma man mano che ci siamo addentrati nella relazione voglio che la mia voce venga ascoltata e che lui ammetta che non tutto che va storto è colpa mia.

    Non sono sicuro che ci sia qualche cambiamento nel suo modo di pensare a questo punto e potrei essere bloccato, ma mi piacerebbe sapere cosa posso fare e cosa possiamo fare come squadra per lavorare su questo perché non sono sicuro di poterlo fare sopportare sempre la colpa di tutto per il resto delle nostre vite!

  • farrah

    4 novembre 2014 alle 13:57

    Anch'io ho un hub del genere, Eleanor, ma almeno è aperto a riconoscere quando qualcosa potrebbe essere colpa sua.
    E davvero non è nemmeno così tutto il tempo, si tratta solo di ricambiare un po 'di comprensione che ci sarà sempre un dare e avere in una relazione, ma non puoi sempre essere l'unico che sta dando.

  • Cosa

    4 novembre 2014 alle 22:34

    'In breve, è molto più facile odiare o essere delusi dal proprio partner che prendersi il tempo per apprezzarlo.' Solo per qualcuno che non è abbastanza maturo (cioè non ha affrontato abbastanza i propri problemi) per essere in una relazione sana.

  • Lesley

    8 novembre 2014 alle 15:07

    Sono d'accordo con te Hal anche se sono curioso di sapere se pensi che ci siano delle eccezioni a questo?

  • M. L. Parker, PhD

    5 novembre 2014 alle 8:19

    Ciao a tutti. Sia personalmente che professionalmente, trovo che il semplice uso del parlare dalla 'prospettiva dell'io' possa essere utile per evitare che un conflitto diventi un ostacolo. Ad esempio, 'È stato così doloroso / spaventoso / imbarazzante per me quando è successo XYZ'. (Notare l'assenza del termine 'mi hai fatto sentire ...'). Ciò rende più probabile che l'ascoltatore non senta la colpa da te e si metta sulla difensiva. Anche se questo sembra semplice, il fattore chiave è che bisogna sinceramente vedere che lui / lei si sente in un certo modo per ragioni esterne alla relazione (ad esempio, esperienze familiari, relazioni precedenti, insicurezze). Ci vuole sicuramente pratica e ripetizione parlare dalla 'posizione I', specialmente quando non è ricambiato, ma sicuramente ti aiuta a crescere e imparare su te stesso. ** Inoltre, non sottovalutare mai il potere curativo di 'Mi dispiace'.

  • glynnis

    5 novembre 2014 alle 10:34

    Sono totalmente d'accordo con te Hal! Ci sono giorni in cui non mi piace mio marito, ma non c'è mai un momento in cui lo odio o mi pento di essermi sposato con lui. Sono come te nel pensare che coloro che hanno questo tipo di emozioni probabilmente non sono abbastanza maturi per gestire il matrimonio in primo luogo!

  • Zoie

    7 novembre 2014 alle 12:15

    Ci sono giorni in cui ho questa terribile sensazione di aver commesso un errore nella vita stando con questa persona. È normale o veramente egoista>

  • Delilah

    7 novembre 2014 alle 14:51

    Una relazione può funzionare se solo un partner sta seguendo questo consiglio? Sto lavorando su me stesso, vado alla consulenza matrimoniale, ma mio marito no. Diventa verbalmente offensivo nelle discussioni; mi mette giù e poi cerca di dire che mi ama. Dopo alcune discussioni non mi sento più amato anche quando lo dice o si comporta come tale. Mi sento molto sola e bloccata e sono incinta. Non aiuterà finanziariamente e vuole che lo paghi per vivere nella discarica che chiama casa anche quando compro la mia spesa, mi permetto tutti i miei farmaci prenatali e le relative spese. Non è un supporto, mi sono chiesto se sarei stato meglio senza di lui. Ho sviluppato molti pensieri negativi su di lui e mi sono pentito di averlo incontrato. Mi piacciono i consigli qui, ma cosa succede se ci si sente molto senza speranza? Quanto dovrebbe provare una coppia prima di rinunciare?

  • Nancy

    8 novembre 2014 alle 01:47

    Dalila: Per favore esamina le relazioni emotivamente e verbalmente violente. Se questo è ciò che ti sta accadendo (e mi sembra), non è colpa tua e solo l'1% degli autori di abusi cambierà. Questo viene da qualcuno che lo sa fin troppo bene. Se lo esamini e impari che questa è la tua situazione, esci prima che si faccia ulteriore danno. Sono rimasto troppo a lungo pensando di poterlo migliorare. Con l'aiuto, alla fine me ne sono andato. Come mi è stato detto, se hai una relazione emotivamente e verbalmente violenta, l'unica cosa che puoi fare è andartene. Ti meriti una vita piena e felice.

  • Phyllis

    8 novembre 2014 alle 05:45

    Delilah,
    Mi dispiace così tanto che tu sia in questa situazione. Sono commosso a scrivere perché ho passato dieci anni con qualcuno che era verbalmente violento, mi ha incolpato di tutto, ecc. E non migliora se la persona non vede cosa sta succedendo, vuole cambiare e ci lavora. Questo ragazzo suona come se non fosse lì per te in alcun modo che conta. Sembra un problema nella tua vita, non un positivo. Sembra un bambino arrabbiato egoista. (Scusa, non lo conosco. Solo la mia impressione basata su quello che hai scritto). Non è facile romperlo con qualcuno, soprattutto quando sei incinta. Ma prendilo da qualcuno che è stato lì. Amati abbastanza da fare ciò che è meglio per te e per il tuo bambino. Meriti di più.

  • Linds

    21 giugno 2016 alle 21:23

    Sono un autolesionista verbale ammesso. Non ci sono scuse, ma il mio altro significativo ha la meglio su tutto quello che dico, mi interrompe quando parlo e fa parte della festa dell'autocommiserazione. Fuga in ogni mio angolo cercando una reazione, poi si sente male per se stesso quando lo ottiene completamente! È confuso, fastidioso da morire e mi sento come se avessi ucciso un bambino quando tutto è stato detto e fatto. Sento che va in entrambe le direzioni. Persone diverse sono influenzate da cose diverse. Non mi insulta per dire, ma mi fa sentire sopraffatto e insignificante con il suo linguaggio del corpo. Abbiamo bisogno di aiuto

  • Lacy

    8 novembre 2014 alle 06:54

    Mi sento per te Anch'io ero in una situazione molto simile. Una volta che finalmente me ne sono andato, è stato quando sono diventato molto chiaro a tutti gli ABUSI che avevo sopportato e non me ne rendevo nemmeno conto. Mi sembra più che tu non abbia a che fare solo con alcune 'differenze', ma piuttosto con un partner violento e il fatto che tu stia attraversando tutto questo stress durante la gravidanza è ancora peggio per il tuo bambino non ancora nato. Ora devi concentrare la tua attenzione sul bambino e assicurarti che l'ambiente in cui lo stai allevando sia sano. Temo che peggiorerà solo.
    Buona fortuna a te mia cara. Sii forte!

  • Lisa

    8 novembre 2014 alle 8:28

    Dalila, se quello che dici è vero, devi esigere rispetto per te stesso e per tuo figlio. Se il tuo partner non vuole o non è in grado di dartelo, per far fronte ai tuoi tentativi, non migliorerà. Ero in una situazione molto simile non molto tempo fa ed è stato solo dopo averlo lasciato che mi sono reso conto della gravità degli abusi con cui avevo a che fare regolarmente. Non ti sto dicendo di lasciarlo, non sono un terapista e non conosco tutta la tua situazione. Quello che sto dicendo è che, per me, andarmene è stata la mossa più difficile ma migliore che abbia mai fatto. All'epoca sembrava impossibile, ma con il sostegno della mia famiglia e un nuovo inizio, sono stato in grado di ricostruire la mia autostima e vedere che merito molto di più.
    Penso che tu sappia cosa devi fare, spero solo che tu riconosca che hai la forza per farlo.

  • Bellissimo

    9 novembre 2014 alle 14:55

    Cara Dalila,
    Il mio cuore ei miei pensieri sono con te che stai attraversando questo momento ... Sembra che tu abbia fatto tutto il possibile per cambiare la situazione, ma sfortunatamente ce ne vogliono due. Parlo per esperienza e mi trovo nella tua situazione da dieci anni, cercando scuse per mio marito ma sapendo in fondo che i suoi abusi emotivi e verbali sono tanto gravi quanto sono stati puniti ogni singolo giorno della mia vita, e che non ci sono MAI scuse per questo. Ho cercato di rimanere per il bene dei suoi figli che ho allevato come miei, ma è giunto il momento per me di andare, merito di essere trattato con amore e gentilezza, COME TU DESERTI DI ESSERE TRATTATO CON AMORE E BENEFICENZA ! Non posso dirti di andartene, ma col senno di poi vorrei averlo lasciato prima, ho perso più di dieci anni della mia vita, ho perso il lavoro perché i suoi abusi emotivi sono diventati così gravi che ho finito per avere un crollo, ho perso quasi tutto i miei amici a causa del malinteso di depressione e ansia (che ha causato - non l'ho mai sperimentato fino a quando non l'ho incontrato), e ho perso ogni opportunità di avere i miei figli perché mi sono ammalato troppo per gestire emotivamente il fatto di avere figli. Ora mi rendo conto di quanto sia stato difficile andarsene e quanto pensassi di amarlo, non vale la pena distruggersi per un altro essere umano. Se me ne fossi andato prima del mio esaurimento, avrei avuto più opzioni e la mia mente sarebbe stata migliore nel decidere come ricominciare la mia vita, ma ora è un milione di volte più difficile senza soldi, quasi senza amici e sono molto più vecchio. Non odio gli uomini, ma credo che le persone non possano essenzialmente cambiare senza riconoscere prima di avere un problema e alcune persone semplicemente non sono in grado di farlo, sono chi sono e non importa il sostegno o l'amore che diamo a qualcuno se le persone non ci trattano come meritiamo che l'unica persona responsabile della nostra felicità e sicurezza (e non solo del benessere fisico ma mentale) siamo noi stessi, dobbiamo cambiare le nostre storie. L'ho appena risolto. Mio marito è un vero ammaliatore e gentile con tutti, infatti è gentile con tutto e con tutti, aiuterà tutti lui che può… .. tranne me. Mi usa come sollievo dallo stress e per questo ha distrutto la mia vita. Prego che questo non ti accada e spero che trovi una risposta che ti metta in un posto in questo mondo dove non sei abusato. Se ti ama davvero e te ne vai, cercherà l'aiuto di cui ha bisogno per trattarti come tutte le persone dovrebbero essere trattate con amore e rispetto, ma se te ne vai e lui promette questo, non sarà in grado di farlo senza un aiuto esterno: questo è il suo schema, la sua quasi dipendenza se vuoi, e le promesse senza cambiare il suo schema non dureranno mai. Quindi il mio suggerimento è che se fossi stato io e potessi rifare tutto da capo, me ne andrei il prima possibile e gli chiedo di ottenere l'aiuto di cui ha bisogno per cambiare il suo schema. Una volta che ha fatto questo per quanto tempo ci vuole e può guardarti attraverso una lente diversa, se pensi che sia sicuro potrebbe funzionare. Ma non sarei con lui mentre sta migliorando perché ha bisogno di capire che NON È MAI OK e come adulto responsabile è una sua scelta di essere quello che è. L'altra cosa a cui pensare è il tuo bambino. Se tratta o meno il tuo bellissimo bambino nello stesso modo in cui tratta te non è il problema: permettere a tuo figlio di crescere in una famiglia in cui un partner tratta il suo partner in modo così disgustoso NON è ok, e l'ho fatto una cosa terribile restare e permettere ai figli di mio marito di pensare che va bene per un uomo trattare sua moglie come mio marito tratta me - ho perpetuato il suo schema ora nei suoi figli che pensano che sia giusto trattare le donne in questo modo. Per favore, prenditi cura di te ... ..ma se non riesci a vederlo, per favore, per favore prenditi cura di tuo figlio. I miei pensieri, le mie preghiere e il mio sostegno sono lì per te.

  • Cosa

    10 novembre 2014 alle 8:31

    Per me, penso che tutto si riduca alla maturità. Questo può essere a molti livelli. Può significare che sei troppo giovane per affrontare tutte le pressioni che un vero matrimonio ti porterà, ma potrebbe anche significare che non sei stato in grado di risolvere i problemi della tua vittoria e quindi anche se ci provi è difficile stare con qualcuno e dargli ciò di cui ha bisogno da una relazione quando non sei nemmeno stato in grado di farlo da solo. La cosa buona che posso vedere in questo tipo di situazione è che c'è sempre spazio per migliorare e crescere con questo, non è che odi davvero il tuo partner, ma significa che hai del lavoro davanti a te quindi che puoi migliorare e riparare questo rapporto.

  • Alice

    15 luglio 2017 alle 5:05

    Odio mio marito. Ho perso ogni rispetto per lui. Tutte le promesse di cambiamento non mantenute, tutte le bugie. Sono letteralmente al punto di rottura. La gente mi dice di andarmene ma è facile a dirsi che a farsi. Abbiamo figli, resto a causa dei miei figli, non voglio farli passare tutto questo. Pensano che vada tutto bene, sono bravo a nascondere il dolore. Mi ha messo a dura prova in tutti questi anni. Adesso sto per crollare. Mio marito non è affatto d'aiuto, dovrebbe essere il mio migliore amico, invece è il mio nemico. Ogni giorno per me è una lotta, ogni giorno mi fa sentire inutile. Non riesco a ricordare un giorno in cui non ci fosse una sola lamentela su quello che faccio, su quello che non ho fatto, sul perché faccio le cose in un certo modo, sul fatto che sono inutile. Mio marito non abusa fisicamente di me ma abusa verbalmente e taglia più in profondità del fisico. Il fardello è pesante, sono pronto a mollare tutto ma sono forte per i miei figli. Non so per quanto tempo posso andare avanti.

  • tahja

    9 settembre 2018 alle 20:27

    Odio anche il mio ragazzo. All'inizio della nostra relazione era così carino ma ora puzza. come faccio a convincerlo a non puzzare? non ride mai più è come una roccia puzzolente. per favore aiutatelo o lasciatelo.

  • jaycee

    20 gennaio 2019 alle 11:14

    Hai dimenticato il n. 6. Sono solo un essere umano manipolatore, egoista ed egocentrico che mette regolarmente al primo posto i propri bisogni, che non ha la capacità mentale di auto-riflessione e non è in grado di crescere come persona. A volte ci sono motivi legittimi per odiare il tuo partner. Questi sono alcuni di loro. Esci.

  • Stella

    30 aprile 2020 alle 22:28

    La mia ragazza è la persona più meravigliosa che abbia mai incontrato, quindi ancora non capisco perché a volte provo così tanto risentimento per lei. Ho difficoltà ad amare me stesso e sono cresciuto in un ambiente molto tossico dove l'amore è così raro, ma so che non dovrei proiettare quel trauma su di lei. Vorrei poterla trattare meglio e non diventare così freddo quando improvvisamente mi arrabbio con lei.

  • Jane

    6 maggio 2020 alle 08:23

    E se fosse solo una persona egoista, parlarne non cambia nulla e hai un crescente risentimento e odio? Penso che se qualcuno si sente in un certo modo, di solito c'è una ragione per questo.