Blog Di venicsorganic

7 modi per aiutare un bambino a guarire da un trauma

Madre che osserva oltre il figlioQuando i bambini sperimentano abuso , abbandono , o altre ferite profonde, gli adulti nella loro vita potrebbero non sapere come aiutarli. Molte persone credono che argomenti come la guarigione psicologica appartengano solo ai professionisti. Ma i 'professionisti', per quanto utili possano essere, non hanno abbastanza tempo per avere un impatto sui bambini allo stesso modo di coloro che sono coinvolti quotidianamente con loro.

Questo articolo ha lo scopo di aiutare i genitori e gli operatori sanitari a sostenere il bambini , adolescenti e persino adulti nella loro vita che stanno superando i danni causati da una relazione abusiva o altri tipi di trauma .

1. Insegna a tuo figlio a parlare

È importante ricordare due parole quando si lavora con qualcuno che subisce traumi e ferite: 'speranza' e 'incoraggiamento'. Non si tratta di dire a qualcuno che dovrebbero dipingere tutti i loro problemi con pensieri felici. Invece, si tratta di offrire una via d'uscita dalla disperazione lasciata dal trauma.



Parla a tuo figlio di quello che è successo. Non c'è modo di gestire il trauma senza almeno riconoscere che è accaduto. La maggior parte delle persone cresce in case dove nessuno parla dell ''elefante nella stanza'. Ma se vuoi aiutare una persona a guarire da qualsiasi tipo di ferita o trauma, è importante discuterne.

Una volta che inizi a parlare di argomenti difficili, dai il permesso anche a tuo figlio. Stai insegnando loro che va bene parlare di queste cose.

Trova un terapista

Ricerca Avanzata

2. La 'narrativa del trauma'

Uno strumento utile per la guarigione è la 'narrativa del trauma'. È un libro creato da un bambino, a volte con l'aiuto di un adulto, che racconta la storia di quello che è successo. Ogni pagina mostra una scena del 'dramma', con il culmine dove si è verificata la parte peggiore del trauma. Se il bambino ha un trauma complesso che coinvolge molti diversi tipi di abuso, incluso abuso emotivo , la storia potrebbe essere scritta senza un climax ma includere diversi pezzi di ciò che è accaduto.

Una volta che inizi a parlare di argomenti difficili, dai il permesso anche a tuo figlio. Stai insegnando loro che va bene parlare di queste cose.

Aiutare un bambino a creare la propria narrativa del trauma disegnando immagini diverse e scrivendo sui passaggi che portano a eventi significativi può essere molto terapeutico. Una volta completato il libro, sedersi con il bambino e leggerlo lo aiuta a continuare a elaborare i sentimenti associati agli eventi e lo aiuta a superare gli effetti del trauma.

3. Insegna a tuo figlio a fidarsi di se stesso

I bambini sono spesso impressionabili. È così facile insegnare a un bambino che non può fidarsi di se stesso. Soprattutto nelle famiglie violente, ai bambini viene insegnato a non provare sentimenti oa non pensare da soli. Di solito viene insegnato loro a fare ciò che i loro genitori dicono senza fare domande ea trascurare le proprie esperienze.

Insegnare a un bambino a fidarsi del proprio intuito non è eccessivamente difficile, anche se spesso richiede tempo. Inizia discutendo con tuo figlio quanto sia importante fidarsi della propria voce interiore o della propria coscienza. Continua a chiedere a tuo figlio come si sente riguardo a certe esperienze. Questo atto aiuterà tuo figlio a imparare che guardarsi dentro è un aspetto importante della vita.

4. Mostra a tuo figlio come soffrire

Alla maggior parte dei bambini (e in realtà, alla maggior parte degli adulti) non viene insegnato come farlo addolorarsi . Alla maggior parte delle persone viene insegnato 'Non piangere', 'Tieni per te le emozioni difficili', 'Sii forte', 'Vai avanti' e altri metodi simili per affrontare la perdita. Quando lavori con bambini emotivamente feriti, puoi aiutarli al meglio non solo insegnando loro a parlare dei loro sentimenti, ma anche a piangere.

Come fai a fare questo? Ci sono un paio di modi:

  • Uno è attraverso l'esempio personale. Qui, dimostri il tuo dolore per qualcosa.
  • Un altro è quando chiedi a tuo figlio domande, come 'Cosa ti manca del tal dei tali?' Oppure, 'Se potessi parlare a tal dei tali, cosa diresti?' Prova a fare domande aperte che generano sentimenti.

Il lutto implica l'elaborazione attraverso i sentimenti fino a quando non sono completi. I bambini non hanno bisogno di analizzare questo concetto. Hanno solo bisogno del permesso di parlare, piangere, essere arrabbiati ed esprimere le loro emozioni finché non hanno finito. Il dolore è finito quando è finito. Non esiste una sequenza temporale per il dolore e ognuno elabora le emozioni secondo il proprio programma. Parla a tuo figlio di questi concetti e dagli il permesso di 'elaborare' qualsiasi sensazione al proprio ritmo.

5. Insegna a tuo figlio i confini

Un argomento importante che puoi presentare a tuo figlio è il concetto di confini . I confini possono essere fisici ed emotivi. I confini fisici includono il corpo e lo spazio fisico di una persona. I confini emotivi includono il modo in cui una persona viene trattata emotivamente, mentalmente e psicologicamente.

L'arte è un intervento efficace per insegnare ai bambini questo concetto. Puoi disegnare un'immagine di una linea, di un muro o di qualche tipo di indicatore di confine. Su un lato della riga, scrivi gli attributi dei confini sani, come 'rispetto' o 'non mi tocca in un modo che non è sicuro'. Sul lato 'violazione del confine' della barriera, scrivi un elenco di trasgressori malsani, come 'insulti' o 'urla'. Tu e tuo figlio potete creare questo disegno insieme.

Ovviamente dovrai usare un linguaggio appropriato all'età. La preoccupazione principale è insegnare a tuo figlio intelligenza emotiva e su come proteggersi da relazioni non sicure.

6. Identificare il 'sé ferito' e il 'sé forte'

Insegna a tuo figlio che va bene parlare di difficoltà ricordi . Spiega che hanno un 'sé ferito' che deve essere curato. Inoltre, fai sapere a tuo figlio che non è solo ferito, ma che ha anche un 'sé sano' o un 'sé forte' in grado di superare le cose difficili. Il sé forte aiuterà a guarire il sé ferito.

Quando si lavora con bambini emotivamente feriti, è utile non solo insegnare loro a parlare dei propri sentimenti, ma anche a piangere.

Per aiutare tuo figlio a identificare ciò che è ferito, puoi porre domande su pensieri, paure, sentimenti e sogni. Vedi se tuo figlio è in grado di identificare come sperimenta il dolore causato dal trauma che ha subito. Se tuo figlio non è interessato ad andare così in profondità, parla con lui. Di ': 'So che sei ferito. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a guarire. '

È utile per i genitori e altri leader significativi nella vita di un bambino imparare come insegnare loro importanti lezioni di vita, specialmente quelle che coinvolgono le emozioni. Poiché la maggior parte delle persone generalmente non comprende la salute emotiva, questo può rivelarsi difficile, principalmente perché la maggior parte delle persone non ha imparato da sola.

Consiglio di disegnare due immagini per tuo figlio: una per un bambino ferito e una per un bambino sano. Il bambino ferito potrebbe sembrare triste e piangere. Il bambino forte potrebbe sembrare risoluto e preoccupato. Insegna a tuo figlio che queste due “parti di se stesso ”Esistono dentro di loro e che il loro compito è imparare a nutrire e guarire la parte ferita del sé.

7. Identificare le convinzioni dannose e le convinzioni curative

Aiuta tuo figlio a identificare le cose che si dice sulla vita o su quello personale identità . Le convinzioni che i bambini hanno spesso quando sono feriti tendono ad essere molto personalizzate; convinzioni come 'Non sono amabile', 'Il mondo non è sicuro' o 'Non sarò mai più felice'. Qualsiasi tipo di credenza negativa e svalutante può essere radicata nella testa di un bambino per anni, decenni o persino per tutta la vita. È utile aiutare tuo figlio a identificare queste convinzioni nella fase iniziale.

Chiedi a tuo figlio di scrivere un elenco di convinzioni malsane. Alcuni includono pensieri come: 'Se fossi un bambino migliore, mia madre non sarebbe drogata', 'Se fossi più magro, il mio amico non mi avrebbe rifiutato' o 'Devo essere uno studente perfetto per avere un bella vita.' Se tuo figlio è abbastanza grande, lavora con lui per identificare convinzioni malsane.

Una volta che questi pensieri malsani sono stati identificati, fai un elenco di credenze utili e curative per tuo figlio per sostituire i pensieri malsani. Dopodiché, ricorda a tuo figlio di sostituire le credenze malsane con le credenze sane. Assicurati che capiscano che questo processo sta costruendo un “muscolo” essenziale di recupero interiore e richiederà pratica per svilupparsi.

Riferimenti:

  1. Chara, K. A. e Chara, P. J. (2006).Un posto sicuro per Caleb.Londra, Inghilterra: Jessica Kingsley Publishers.
  2. James, J. (2017).Il manuale per il recupero dal dolore, 20 ° anniversario ampliato ed .: Il programma d'azione per andare oltre la morte, il divorzio e altre perdite tra cui salute, carriera e fede.New York, NY: Harper-Collins.
  3. Racconti di traumi. (n.d.). Estratto da: https://www.therapistaid.com/therapy-guide/trauma-narratives

Copyright 2018 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Sharie Stines, PsyD , terapista a La Habra, California

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 5 commenti
  • Lascia un commento
  • Nicola S.

    27 ottobre 2018 alle 23:47

    Grazie. Sto cercando di aiutare una famiglia con bambini che sono stati vittime di un attacco dell'Arsen. Conoscete libri di attività per bambini di età compresa tra 10 e 12 anni?

  • Contro Kali D.

    23 marzo 2019 alle 21:06

    Grazie mille, ottimo articolo.
    Attualmente sto cercando di creare alcuni post con contenuti per aiutare le famiglie ad affrontare questi problemi esatti.

  • Innocente

    19 ottobre 2019 alle 3:00

    Ottimo per conoscere i 7 passaggi. Mia moglie è molto interessata alla terapia narrativa e infatti la sua tesi è Il ruolo della narrativa nella guarigione dei disturbi comportamentali tra i bambini abbandonati in Ruanda. Stavo leggendo i tuoi 7 passaggi proposti per vedere se possiamo fare un confronto con 3 fasi della terapia narrativa. Apprezzo molto la tua guida. Per tutto il tragitto da Kigali-Ruanda in Africa

  • margaux

    27 gennaio 2020 alle 12:32

    I medici che si rendono inessibili o che non sono qui per trattare con i malati non mi danno fastidio e sono disfunzionali. assistente sociale che non si preoccupa se stai abusando e ti dica a ER.? e subire abusi. e non sentito. un assistente sociale dovrebbe essere preoccupato se si verificano abusi e altro. e invece ho avuto assistente sociale che ha appena fatto appoinemtns ed è venuto a visitare il dott. ma non importa che la mia vita sia stata danneggiata ed essere danneggiata in modo permanente da abusi in corso e insuccessi del dottore .. come dover dire a qualcuno che il suo lavoro non è ok. e i dottori che pensano di essere troppo bravi per essere dottori sono dottori malati. trova una persona o una vita sana e se non puoi scappare sei morto.

  • margaux

    27 gennaio 2020 alle 12:38

    I medici che ridevano di me e mi assecondavano nel lavoro sociale, ma non ammettevano danni permanenti e il rapido declino della mia vita e delle mie funzioni sane e ridevano e mi umiliavano. le persone passive aggressive che scompaiono che appaiono e disprezzano con qualche scusa e i sottomarini che non si preoccupano. dr che potrebbe chiedersi perché ero non verbale e agitato, ma anche mi asseconda e mi affretta e mi punisce per non volere nessuno vicino a me. nessuno si domanda perché la famiglia non abbia riferito che ero in pericolo o in pericolo e che anni fa erano stati un pericolo per me con falsi abusi medici .. a nessuno importava ora che sono cattiva e inutile che le persone mi prendessero a pugni e torturassero la vita .. me da quattro anni unquesimo davanti agli assistenti sociali. che poi hanno paura che siano nei guai e scaricano ... scaricano ... te. il sistema è rotto? libro del cazzo appreso e disfunzionale. Sono stato quattro anni senza che nessuno si interessasse a nessuno e non mi chiedevo da quali truama stavo subendo danni e mi è stato detto di andare da chiunque lo usasse per curare tutto. Sono stato picchiato in er e ora la mia vita che era stotalmente guarita da tutti gli abusi è invertita una sorella che nega e mi dà da mangiare spazzatura e si nutre di se stessa, neghi il mio rispetto ai miei diritti legali e mi dice che non puoi farlo o ma lei è là fuori che cerca di associarsi con le stelle. ho le stelle come amici e il motivo per cui sono stato abbattuto era che avevo stelle e fama nel mio futuro indovina chi è la mia ombra.?