Blog Di venicsorganic

Il marito maltrattato: affrontare l'aggressività nelle relazioni

Un professore di psicologia presso la California State Long Beach ha compilato un impressionante mucchio di dati - più di 500 studi - suggerendo che le donne sono almeno altrettanto fisicamente aggressivo se non di più degli uomini nella loro relazioni intime .

In una ABC News del 2008 'Cosa faresti?' Nel segmento, gli attori hanno interpretato due scenari in pubblico: un uomo che abusava verbalmente la sua partner, poi la scuoteva e le tirava i capelli, seguito da una donna che faceva lo stesso con lui. In un primo momento, diverse persone sono intervenute e hanno interrotto le violenze, a volte con rabbia; nel secondo nessuno ha fatto niente. Una spettatrice femminile ha persino pompato il pugno felicemente mentre guardava la donna che schiaffeggiava il suo partner. 'Buon per lei', ha detto in seguito all'intervistatore, 'sono sicura che se lo meritava'.

Non sono qui per minimizzare in alcun modo la violenza tra uomini e donne. So che le donne di solito sono più vulnerabili degli uomini alla panoplia imperdonabile del verbale, fisico , e abuso sessuale . Ma sono qui per segnalare un rovescio della medaglia di questo orrendo fenomeno, spesso più sottile e difficile da rilevare, in parte a causa di stereotipi di mascolinità e 'tenacia'. C'è spesso vergogna e disgusto di sé provati da uomini che si percepiscono come 'deboli' (o peggio) per non aver tenuto testa al proprio partner.



Parlo qui di alcuni dei ma Ho trattato nella mia pratica, sia individualmente che in gruppo. Uomini che sono verbalmente o abusato emotivamente dalle loro mogli o fidanzate spesso detestano vederlo come un abuso e tendono a incolpare se stessi per averlo causato in primo luogo. Spesso questi ragazzi non riescono a immaginare perché la loro amata sarebbe così arrabbiata con loro, a meno che non abbiano fatto qualcosa per meritarselo.

Trova un terapista

Ricerca Avanzata Questo vale anche quando il rabbia è espresso in modi estremi. (Sono felice di riferire che non ho ancora curato un uomo che ha subito abusi fisici dal suo partner.) Una delle persone nelle mie sessioni di diversi anni fa mi ha detto: 'Il fatto che mia moglie sia ancora arrabbiata con me significa che io Sto ancora facendo un casino. ' Si sentiva in questo modo nonostante il fatto che passasse quasi ogni momento cercando (invano) di accontentarla. Era difficile per lui vederli proiezione da parte di sua moglie.

Molte di queste persone hanno a che fare dipendenze e comportamenti compulsivi , spesso come un modo per ridurre o lenire sentimenti di fallimento insopportabilmente dolorosi, bassa autostima , indegnità e altri affetti correlati. Questi uomini spesso riferiscono di aver 'indotto' i loro partner a scagliarsi contro di loro, o che si meritano abuso a causa dei loro comportamenti irresponsabili (e intrinseca 'cattiveria').

Quello che spesso manca è che la rabbia del partner, di solito a causa di traumi precedenti, come negligenza o abbandono - era almeno in parte a posto all'inizio. Intimità richiede sicurezza e fiducia; rabbia e paura possono essere corrosivi fatali. Diventa una questione di galline e uova di quali cause. Le questioni di entrambi i partner devono essere affrontate per ripristinare la salute coniugale.

Naturalmente, nessuno dei maschi nelle mie sedute ha agito come boy scout. Anche loro hanno rimproverato o aggredito verbalmente i loro partner, guardato la pornografia in modo compulsivo o commesso adulterio . Ma, sia prima che dopo misure così disperate, si sentono come se nulla possa placare la rabbia del loro partner.

Una di queste persone mi ha detto: 'Non importa se sono buono o cattivo con lei. Pensa sempre che io sia un pezzo di merda. Quindi potrei anche comportarmi come tale. ' Era cresciuto con una madre brutalmente violenta e aveva iniziato a pensare di meritare un trattamento così scadente.

Un sondaggio di persone con una dipendenza dal sesso dal pioniere del recupero Patrick Carnes ha scoperto che il 97% ha subito abusi emotivi durante l'infanzia. La percentuale di coloro che hanno subito abusi fisici o sessuali dai loro genitori era leggermente inferiore, ma non di molto. Questi numeri stanno dicendo. Anche se questo non scusa né dàfiammeal comportamento distruttivo - dipendenza o altro - crea un contesto all'interno del quale questi comportamenti germinano.

Il nostro bisogno di una connessione umana significativa - per essere visti, compresi e amato - non si limita a sparire, anche quando è scomodo, insoddisfatto o ritenuto immeritevole. È un nutriente necessario dell'anima, anche quando si intromette o ci fa perdere la faccia. È come una 'colpa' che merita giudizio e critica —Da nostro partner o da noi stessi. Che tristezza quando due persone ben intenzionate cadono in un ciclo che continua a favorire questa corrosiva mancanza di 'nutrizione', da entrambe le parti, indipendentemente da chi viene incolpato.

Riferimenti:

  1. Carnes, P. (1998). The Making of a Sex Addict. Estratto da http://www.iitap.com/documents/ARTICLE_The Making of a Sex Addict_PCarnes.pdf
  2. Fiebert, M. (2012, 1 giugno). Riferimenti che esaminano le aggressioni da parte delle donne sui loro coniugi o partner maschi: una bibliografia annotata. Estratto da http://www.csulb.edu/~mfiebert/assault.htm

Copyright 2011 di By Darren Haber, PsyD, MFT , terapista a Los Angeles, California . Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa a venicsorganic.com.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 13 commenti
  • Lascia un commento
  • Eddie Raymond

    29 giugno 2011 alle 14:28

    'Molto spesso questi ragazzi non possono immaginare che la loro amata sarebbe così arrabbiata con loro a meno che non abbiano fatto qualcosa per meritarselo. '

    E non è così che alla fine gli uomini fanno sentire anche le donne maltrattate? Che deve essere colpa loro? Li picchiano fisicamente e mentalmente finché il loro spirito è a brandelli. Non mi sorprende che anche alcune donne siano capaci di tali atti. E poiché è una femmina non lo rende meno serio.

  • Deanna

    29 giugno 2011 alle 15:12

    Sarebbe difficile come uomo ammettere di essere vittima della violenza contro di lui da parte di una donna. So che questo deve sembrare come se fossero un fannullone o qualcosa del genere, ma sappiamo tutti che ci sono alcune donne cattive là fuori che non pensano a nulla a distribuire questo tipo di violenza. So che pensano che stiano solo prendendo in giro se stessi, ma penso che sia crudele tanto per una donna picchiare un uomo quanto per un uomo picchiare una donna.

  • Francine Rowland

    29 giugno 2011 alle 15:35

    Vedi, sento che gli osservatori che non hanno fatto nulla quando la donna stava attaccando l'uomo avrebbero visto una donna che pensavano fosse alla fine del suo legame. Per quanto ne sapevano, l'aveva picchiata prima. Immagino ovviamente di non aver visto lo spettacolo.

    Non credo che qualcuno considererebbe seriamente che una donna potrebbe fare gli stessi danni fisici di un ragazzo e lei gli farebbe davvero del male. Non lo sto affatto perdonando, sto solo pensando ad alta voce e cercando di capire perché si sono tirati indietro. La violenza è violenza e nessun ragazzo dovrebbe sopportarlo più di quanto dovrebbe fare una donna.

    Gli uomini sono generalmente fisicamente più forti e più grandi delle donne, quindi capisco che qualcuno sia intervenuto per impedire all'uomo di spingerla in giro quando hanno visto quella scena. Pochissime donne salterebbero tra un uomo e una donna a causa della forza fisica di un ragazzo, più forse nell'interesse dell'autoconservazione. Se è grande e tu sei piccolo, dovresti essere una ragazza molto coraggiosa quando è ovvio che non gli dispiace ferire le donne.

    Io me ne andrei via dalla vista e chiamerei la polizia a bassa voce piuttosto che mettermi in mezzo a loro. La mia coscienza non mi permetteva di andarmene e di non fare nulla, lasciando quella donna a qualunque destino le capitasse.

    Le donne che stavano alzando il pugno per incoraggiarla ... quello era sbagliato. Forse era una donna che aveva subito violenza domestica prima di se stessa? Penso di essere così felice di vedere che sta succedendo, in un momento della tua vita devi essere stato il destinatario della cosa. Solo una teoria.

  • Jean Dunlap

    29 giugno 2011 alle 17:35

    L'unica volta che qualcuno merita di essere preso a pugni dal proprio coniuge è quando ha tirato un pugno non provocato in primo luogo a te o ai bambini. Allora è del tutto giustificato nella mia mente. Difenderesti te stesso oi tuoi figli, che è un diritto e una responsabilità di qualsiasi creatura vivente.

  • Kirstyn Garcia

    29 giugno 2011 alle 18:32

    Qualunque sia il sesso, la violenza non risolve mai nulla! Accettarlo come un aspetto normale della tua vita non è necessario. Chiama la polizia, fatti aiutare da un professionista per migliorare la tua vita e se non cambierà, lasciala.

  • Colleen Bradley

    29 giugno 2011 alle 19:37

    Non so perché insistono nel chiamarla violenza domestica invece di violenza. Sento che etichettare la parola domestico diluisce il crimine. Ho sentito gli amici degli agenti di polizia parlare di frequentare 'una casa'. Non dicono nemmeno violenza!

    Il che immagino dimostri il mio punto di vista. Il fatto di essere 'domestico' in qualche modo riduce la sua importanza, ad esempio, rispetto a un attacco da parte di uno sconosciuto o di un vicino. Eppure le possibilità di ripetizione della violenza domestica devono essere di gran lunga superiori a un attacco casuale, quindi perché non è considerato un crimine uguale o anche più grave che mette la vittima a maggior rischio agli occhi del tribunale? Oh dicono che lo so, ma non lo è.

    Uomo o donna, abbiamo tutti bisogno di protezione e abbiamo bisogno che i crimini di violenza tra coppie e sconosciuti siano presi molto sul serio.

  • Darren Haber

    Darren Haber

    29 giugno 2011 alle 21:03

    Aspetti positivi, tutti. Grazie per aver scritto. Sono lieto di vedere che c'è comprensione su entrambi i lati della 'medaglia' di genere, per così dire. Questo mi dà speranza.

  • Hugh

    30 giugno 2011 alle 04:39

    Sono d'accordo di tutto cuore con Colleen. Perché ci sono nomi diversi per il crimine solo perché accade tra marito e moglie o fidanzato e fidanzata?
    Solo perché le persone si conoscono e forse anche convivono non diminuisce la gravità del crimine, e non significa nemmeno che sia una questione risolvibile.

  • Darren Haber

    Darren Haber

    30 giugno 2011 alle 13:34

    Buon punto, Hugh (e Colleen). La maggior parte degli omicidi si verificano tra persone che si conoscono. La violenza avviene su un continuum; solo b / c è chiamato un 'battibecco' coniugale o 'domestico' o quant'altro non dovrebbe minimizzare quanto sia grave. Grazie per aver scritto.

  • Johnty

    30 giugno 2011 alle 23:40

    La maggior parte delle persone ha questa idea che non è sbagliato se una donna abusa o insulta il suo partner, è come se le donne avessero un vantaggio intrinseco in questo reparto, inoltre, ogni volta che c'è un battibecco tra i partner, una terza persona sarebbe più incline ad amare la donna. Perché? Perché ci sono un milione di gruppi di sostegno per le donne che le aiutano con problemi di relazione, matrimonio e altre cose, e quasi nulla per gli uomini? È questo che si chiama UGUAGLIANZA DI GENERE? !!

  • P.T. Moyer

    1 luglio 2011 alle 21:09

    È disgustoso quanti pensano che gli uomini siano esenti dagli abusi. Una donna ha pugni, muscoli e può usare le armi con la stessa facilità di un maschio medio. Una donna può pugnalare e picchiare suo marito e nel momento in cui viene toccata per rappresaglia, LEI è quella che grida di essere la vittima.

  • Paige W.

    1 luglio 2011 alle 21:15

    @ P.T. - Posso capire la riluttanza di un uomo a denunciarlo! Se un uomo accusasse una donna di abusi domestici, immagino sarebbe ridicolizzato dai suoi coetanei. Non è come dovrebbe essere.

    Le persone hanno il diritto di essere al sicuro, maschi o femmine. La tua felicità non è garantita, ma la tua sicurezza sì. Quando metti in pericolo le persone, stai violando i loro diritti umani. Mi vergogno del mio sesso quando si comportano in questo modo.

  • Jen Thompson

    6 luglio 2012 alle 14:24

    Quasi 20 anni come consulente donna, la maggior parte dei miei clienti uomini, troppi che hanno rivelato orribili abusi da parte di donne - verbali, emotivi, fisici, sessuali, finanziari. A volte per mano delle loro madri, la società lo trova così difficile da credere. Considerando questo problema sociale emergente di preoccupazione, sono rimasto deluso dal numero di persone che riducono al minimo. Adoro il tuo articolo, gli uomini possono essere incredibilmente vulnerabili e sfruttati, l'origine precoce di abbandono e privazione delle cure può prepararli per questo. Ho bisogno di tenere questo argomento allo scoperto, il pregiudizio di genere attorno a questo problema mi preoccupa. La violenza è sbagliata in qualsiasi forma, abbiamo bisogno di più messaggi di genere neutro nella comunità per sostenere le donne violente per ottenere aiuto e gli uomini che subiscono abusi dalle donne per parlare.