Blog Di venicsorganic

Affrontare la crescente crisi della salute mentale nelle scuole pubbliche

Colpo del primo piano del bambino con la testa sui libri che guarda lPiù di 50 milioni di studenti sono iscritti nelle scuole pubbliche negli Stati Uniti. Di questi, uno su cinque soddisfa i criteri per a condizione di salute mentale . Circa il 70-80% di questi studenti non riceverà alcun tipo di trattamento o terapia. Perché bambini e gli adolescenti trascorrono la maggior parte del loro tempo a scuola, insegnanti, amministratori, infermieri scolastici e altro personale sono spesso in una posizione unica per essere i primi a identificare eventuali problemi o problemi nella vita di un bambino. Ecco alcuni modi in cui le scuole pubbliche possono affrontare meglio questa crescente crisi di salute mentale.

Screening della salute mentale nelle scuole pubbliche

La maggior parte delle scuole non dispone di alcun tipo di screening sulla salute mentale per gli studenti. La National Association on Mental Illness sostiene gli screening della salute mentale per diversi motivi. La metà o più dei problemi di salute mentale cronica iniziano prima o dopo i 14 anni. L'identificazione precoce e il trattamento possono aiutare a prevenire problemi più gravi lungo la strada.

Proprio come le proiezioni vengono fatte per una varietà di problemi di salute fisica , gli screening sulla salute mentale nelle scuole pubbliche potrebbero portare grandi benefici agli studenti vulnerabili. Lo svolgimento di screening sulla salute mentale nelle scuole consente agli insegnanti di riconoscere i segnali di pericolo di vari problemi di salute mentale, consentendo un'identificazione precoce e collegamenti più rapidi alle risorse di trattamento di cui gli studenti potrebbero aver bisogno.



Il ruolo degli infermieri delle scuole pubbliche nella salute mentale

Infografica sullo stato della salute mentale nelle scuole pubbliche di venicsorganic.com

Clicca sull'immagine per ingrandirla.

Mentre gli infermieri scolastici sono di solito quelli che hanno maggiori probabilità di rilevare precocemente eventuali problemi di salute mentale, molte scuole hanno solo un'infermiera nel personale e molte di queste infermiere lavorano solo part-time. Non è raro che interi distretti scolastici condividano un'infermiera, il che significa che un'infermiera può vedere centinaia o addirittura migliaia di studenti (a seconda delle dimensioni del distretto). Ciò rende più improbabile che un'infermiera scolastica sia in grado di individuare i sintomi di problemi di salute mentale, poiché l'infermiera potrebbe non essere disponibile o avere abbastanza tempo con ogni studente per soddisfare le proprie esigenze.

Secondo l'American Association of Pediatrics, le scuole funzionano come il sistema di salute mentale per circa l'80% degli studenti. Per questo motivo, gli infermieri scolastici svolgono un ruolo fondamentale nell'identificazione dei problemi in modo che possano essere trattati il ​​prima possibile. Sfortunatamente, gli infermieri scolastici in genere ricevono poca o nessuna formazione in salute mentale.

Mentre gli infermieri non dovrebbero esserlo psicologi o terapisti, dovrebbero essere consapevoli dei segnali di allarme emotivi, fisici e comportamentali per problemi di salute mentale comuni. La consapevolezza e il riconoscimento dei problemi non appena si presentano potrebbero impedire a suicidio .

Strategia integrata per la salute mentale nelle scuole pubbliche

I ricercatori suggeriscono che il modo migliore per aiutare gli studenti con problemi di salute mentale potrebbe essere quello di far lavorare insegnanti, consulenti, amministratori e infermieri scolastici per individuare e gestire i problemi di salute mentale. È probabile che affidare questa responsabilità a un insegnante o amministratore non sia efficace perché in genere non hanno la formazione o il tempo necessari. In media, i consulenti scolastici vedono circa 500 studenti. Le infermiere scolastiche possono vedere ancora più studenti, soprattutto se sono l'unica infermiera per un intero distretto. Gli insegnanti vedono anche un numero significativo di studenti, che vanno dai 20-30 nelle scuole elementari a centinaia di studenti nelle scuole medie e superiori, dove gli studenti cambiano classe e insegnante durante il giorno.

Trova un terapista

Ricerca Avanzata L'integrazione di strategie e cure per la salute mentale nelle scuole pubbliche può aiutare tutto il personale che incontra gli studenti. Probabilmente saranno in grado di riconoscere meglio i problemi di salute mentale e fornire un intervento precoce e una prevenzione per molti problemi, compresi i pensieri di suicidio, uso di droghe e alcol , e abuso di relazione . Per riconoscere questi potenziali problemi, sarà probabilmente necessario un certo grado di formazione in salute mentale.

Alcuni segni che uno studente potrebbe avere una condizione di salute mentale includono:

  • Cambiamenti improvvisi in uno studente umore o comportamento
  • Frequente sbalzi d'umore
  • Problemi comportamentali come aggressione , i capricci d'ira o le violenze a scuola
  • Povero rendimento scolastico
  • Scarsa igiene
  • Frequenti assenze
  • Non partecipando più ad attività extrascolastiche
  • Isolamento dai coetanei
  • Difficoltà a prestare attenzione in classe
  • Eccessivo preoccupante o ansia
  • Iperattività
  • Difficoltà a relazionarsi con gli altri
  • Disturbi somatici (mal di stomaco, mal di testa) senza una chiara causa fisiologica

Fornire servizi di salute mentale nelle scuole pubbliche

Secondo il Children’s Mental Health Report 2016, i giovani con accesso a cure e servizi di salute mentale a scuola hanno una probabilità 10 volte maggiore di cercare aiuto per problemi di salute mentale e abuso di sostanze rispetto a coloro che non dispongono di tali programmi. Molte scuole stanno scegliendo di affrontare la crescente crisi della salute mentale nel sistema scolastico pubblico assumendo uno psicoterapeuta professionista, un consulente o uno psicologo nello staff. Altre scuole hanno terapisti provenienti dai centri di salute mentale della comunità per vedere studenti che stanno lottando con problemi di salute mentale al di là dell'ambito di competenza del consulente di orientamento.

La deputata Grace Napolitano sta attualmente lavorando all'implementazione del Mental Health in Schools Act, che fornirebbe finanziamenti per 200 milioni di dollari attraverso sovvenzioni competitive di 1 milione di dollari ciascuna a 200 scuole pubbliche in tutto il paese. Questo finanziamento li aiuterebbe a fornire professionisti della salute mentale autorizzati in loco nelle scuole pubbliche. Napolitano ha eseguito questi programmi dal 2001 in 14 scuole pubbliche nel suo distretto congressuale. Questo approccio si è dimostrato efficace e verrà esteso a livello nazionale grazie ai finanziamenti forniti dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration.

Riferimenti:

  1. Anderson, M. & Cardoza, K. (2016, 7 settembre). Un'epidemia silenziosa: le nostre scuole pubbliche stanno lottando per gestire milioni di studenti con problemi di salute mentale. Estratto da http://apps.npr.org/mental-health/
  2. Association for Children’s Mental Health. (n.d.). Problemi a scuola. Estratto da http://www.acmh-mi.org/get-help/navigating/problems-at-school/
  3. Cardoza, K. (2016, 3 settembre). Le infermiere scolastiche possono essere 'detective' della salute mentale, ma hanno bisogno di aiuto. Estratto da http://www.npr.org/sections/ed/2016/09/03/478835294/school-nurses-can-be-mental-health-detectives-but-they-need-help
  4. Child Mind Institute. (2016). Rapporto sulla salute mentale dei bambini del 2016. Estratto da http://childmind.org/report/2016-childrens-mental-health-report/
  5. Fatti sulla legge sulla salute mentale nelle scuole. (n.d.). Estratto da http://napolitano.house.gov/resources/additional-resources/mental-health-schools-act/facts-mental-health-schools-act
  6. Firth, S. (2015, 20 febbraio). Gli ospedali vedono un aumento allarmante dei bambini suicidi. Estratto da http://www.medpagetoday.com/pediatrics/preventivecare/50117
  7. Alleanza nazionale sulla malattia mentale. (n.d.). Screening della salute mentale. Estratto da http://www.nami.org/Learn-More/Public-Policy/Mental-Health-Screening
  8. Shefall, A., Asti, L., et al. (2016, settembre). Suicidio nei bambini in età scolare elementare e negli adolescenti anziani. doi: 10.1542 / ped.2016-0436

Copyright 2016 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 9 commenti
  • Lascia un commento
  • Jonas

    7 novembre 2016 alle 10:22

    Personalmente penso che già mettiamo troppo sulle scuole, sugli insegnanti e sugli amministratori. Non sono professionisti della salute mentale qualificati né dobbiamo aspettarci che vengano inseriti in ruoli quando devono svolgere quel lavoro.

    Sono sicuro che la maggior parte di loro, se questo è il campo in cui avrebbero voluto lavorare, ci sarebbero entrati. Ma hanno scelto l'istruzione e questo è ciò che dovrebbero essere autorizzati a fare. Educare e insegnare.

    Penso che quando iniziamo a riporre su di loro queste aspettative irreali, i capi della classe oggi si esauriranno molto facilmente prima di domani.

  • Teri

    18 novembre 2017 alle 06:28

    COMPLETAMENTE d'accordo con Jonas. Lascia che la tua agenzia locale per la salute mentale veda i loro bambini clienti a scuola. Formare consulenti scolastici / assistenti sociali nella valutazione. Lascia che gli insegnanti insegnino!

  • Terrell

    7 novembre 2016 alle 11:16

    Non diresti che l'insegnante di classe sarebbe quello che ha maggiori probabilità di rilevare un problema precoce, non l'infermiera della scuola?

  • Jack

    8 novembre 2016 alle 07:54

    Ci sarebbero così tante famiglie che acconsentirebbero effettivamente a sottoporle a test di salute mentale sui loro figli? E anche se fosse saltato fuori qualcosa, ho la brutta sensazione che questo non sia il posto migliore per affrontarlo.
    Queste sono cose che richiederanno sicuramente aiuto e intervento medico e non vedo che ci sono così tante scuole che sarebbero attrezzate per fare i riferimenti necessari e fornire opzioni per l'assistenza.

  • mary kate

    8 novembre 2016 alle 13:34

    C'è davvero così tanto aumento nel numero di bambini che necessitano di cure per la salute mentale rispetto ai numeri di anni fa o è che solo ora siamo più consapevoli di queste malattie e abbiamo migliori linee di prevenzione per loro? Non riesco proprio a credere che ci sia qualcosa che sta davvero facendo aumentare i numeri in questo modo e la necessità di crescere in questo modo senza che qualcos'altro sia in gioco.

    Il mio sospetto, che non è una cosa negativa, è che ora siamo più in sintonia con i bisogni di più bambini che mai e abbiamo più risorse a cui indirizzarli quando hanno bisogno di un po 'di aiuto.

  • Ashlyn

    10 novembre 2016 alle 12:36

    Quando pensi al fatto che ci sono decine di bambini nel nostro sistema scolastico pubblico che non hanno accesso all'assistenza sanitaria di alcun tipo a meno che non si presenti sotto forma di pronto soccorso, allora sì, le scuole possono essere un ottimo punto di partenza. Non sono sicuro da dove vengano i soldi perché penso che questo richiederebbe un enorme investimento per ottenere il giusto tipo di assistenza, ma non ne vale la pena per i nostri figli?

  • carter

    11 novembre 2016 alle 11:28

    Le infermiere scolastiche sono fantastiche, non fraintendetemi, ma per favore dimmi che molti rinvii sarebbero fatti se ci fosse qualcosa che era pericolosamente sbagliato o fuori posto con uno studente.
    Queste non sono sempre cose che potranno essere semplicemente gestite in casa.

  • Joe

    14 novembre 2016 alle 10:26

    Temo che con la nuova amministrazione quella cura della salute mentale verrà nuovamente relegata nel dimenticatoio.

  • Simran

    13 marzo 2019 alle 2:55

    I segni da te menzionati aiuterebbero davvero molto a capire meglio la situazione del bambino. Grazie per la condivisione.