Blog Di venicsorganic

Terapia assistita con animali: funziona con gli animali di peluche?

Integrare animali vivi nel processo terapeutico sta guadagnando il riconoscimento come approccio praticabile ed efficace in un contesto clinico. La terapia equina è una forma di terapia ampiamente popolare che ha mostrato risultati notevoli con i clienti che non rispondono bene ad altri tipi di trattamento. Allo stesso modo, i bambini resistenti alle terapie tradizionali hanno dimostrato un miglioramento nelle terapie assistite dagli animali. Per le persone che sperimentano dissociazione , gli animali rappresentano una fonte incondizionata di amore e accettazione. Per le persone che potrebbero aver subito traumi precoci nella vita, in particolare traumi o abusi che hanno minato attaccamento relazioni, gli animali possono sostituire i legami di attaccamento sicuri mancanti.

Sebbene gli animali in aggiunta alla terapia, anche gli animali domestici, possono aiutare a ridurre ansia , depressione, solitudine e isolamento , possedere o lavorare con un animale potrebbe non essere un'opzione praticabile per tutti i bisognosi. Pertanto, i peluche, che rappresentano una fonte di conforto in tempi di stress per i giovani, possono fungere da adeguato sostituto. Rose M. Barlow del Dipartimento di Psicologia della Boise State University in Idaho voleva vedere se gli animali imbalsamati avrebbero servito i clienti allo stesso modo degli animali vivi. In uno studio recente, Barlow ha esaminato un campione di studentesse universitarie ad alta e bassa dissociazione e di quelle con disturbo dissociativo dell'identità (DID) sull'attaccamento agli animali vivi e imbalsamati. Ha scoperto che le donne DID avevano attaccamenti significativamente più forti sia per gli animali vivi che per i peluche rispetto a qualsiasi altra donna. Ha anche scoperto che quelli con elevata dissociazione e quelli con DID hanno riportato livelli più elevati di attaccamento agli animali imbalsamati rispetto agli animali vivi rispetto al gruppo a bassa dissociazione.

I risultati di questo studio hanno diverse importanti implicazioni cliniche. Anche se problemi di comorbidità come depressione , ansia e bipolare non sono stati considerati in questa ricerca, le prove suggeriscono che gli animali imbalsamati possono essere particolarmente utili a quelli con alti livelli di dissociazione. Poiché i sintomi di dissociazione, anche di attaccamento disorganizzato, possono iniziare nell'infanzia e derivare da genitori emotivamente non disponibili, divorzio o abuso, l'integrazione di animali di peluche nella terapia per i bambini piccoli può fornire un senso di sicurezza e aiutare a ricostruire legami di attaccamento compromessi. 'Gli animali, vivi o imbalsamati, possono aiutare la terapia sia per i bambini che per gli adulti fornendo un modo per sperimentare ed esprimere emozioni, una sensazione di sostegno incondizionato e radicamento', ha detto Barlow.



Riferimento:
Barlow, Rose M., Lisa DeMarni Cromer, Hannah Prairie Caron e Jennifer J. Freyd. Confronto tra dissociazione normativa e diagnosticata sull'attaccamento ad animali da compagnia e animali imbalsamati.Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica4.5 (2012): 501-06. Stampa.

Copyright 2012 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore di cui sopra. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati sotto forma di commento.

  • 14 commenti
  • Lascia un commento
  • Robyn

    1 novembre 2012 alle 15:20

    Questo mi sembra una vera portata e in genere sono aperto e disposto a integrare idee nuove e creative nella mia metodologia. Ma gli animali imbalsamati non possono in alcun modo ricambiare e replicare ciò che un animale vivo può fare per un paziente che ha così tanto bisogno di quella vicinanza e attaccamento che solo un animale reale ha da offrire. In molti modi per me questo sembra quasi troppo infantile per un metodo di trattamento che sta solo guadagnando rispetto e penso che l'aggiunta di questo elemento infantile spegnerà sia i pazienti che i professionisti che potrebbero essere stati in qualche modo disposti a provarlo.

  • Carlton

    2 novembre 2012 alle 4:07

    Non sono d'accordo con Robyn (soory!) Perché penso che, specialmente per un bambino, molte volte stia cercando qualcuno o qualcosa a cui aggrapparsi, con cui legarsi, e anche un animale di peluche può offrire quel tipo di amore per loro. Ok, quindi non è tradizionale o esattamente lo stesso che sperimenteresti con un animale vivo. Grande affare. Per molti di questi bambini questa potrebbe essere la prima cosa che hanno mai avuto nella loro vita che dà loro aiuto e conforto e li aiuta a sentirsi in pace e amati. Questo è tutto ciò che molti di loro stanno cercando, e se questo è ciò che li fa sentire al sicuro, allora non ho alcun problema con questo essere usato come parte della loro guarigione terapeutica.

  • debbie

    2 novembre 2012 alle 23:23

    notate quanti bambini si aggrappano ai peluche quando sono a letto o in altro modo quando hanno bisogno di conforto? beh questo è sufficiente per dire solo il senso di qualcuno che sta con te è importante e il fatto che sia un ripieno è solo secondario.

  • CiambellaFTW

    3 novembre 2012 alle 04:46

    Ho tirato fuori un grande peluche dopo aver letto questo articolo. Speravo di essere confortato o almeno di fornire un po 'di sollievo. Sono stato scaricato. Ho sentito così tanto tradimento e senso di colpa.

    Tuttavia, quando ho guardato il cane di peluche, tutto ciò che ha fatto è stato ricordarmi di lui. Ho continuato a strangolare il cane di peluche. Ha fatto tranne che mi ha reso più triste di aver perso il mio bambino interiore che giocava con il peluche.

  • Ursula

    4 novembre 2012 alle 6:25

    Questo non dovrebbe riguardare ciò che abbiamo perso, ma essere in grado di vedere oltre quello che abbiamo guadagnato. Se è qualcosa che sai ti renderà triste, allora cerca una soluzione alternativa.

  • C @ ~

    7 dicembre 2015 alle 20:06

    Sono in ritardo di qualche anno, ma volevo aggiungere il mio aneddoto personale. Ultimamente mi sono sentito piuttosto depresso (non diagnosticato, ma presto vedo un consulente) e ho scoperto che avere il mio animale di pezza con me mi aiuta a far fronte quando mi sento triste e negativo per il lavoro. I risultati sulle donne con tendenze alla dissociazione mi hanno colpito perché ho scoperto che esternalizzo il discorso di incoraggiamento di cui di solito ho bisogno per rimanere motivato. Quindi chiederò al mio animale se pensa che io possa farlo, e ovviamente nella mia testa dice 'sì'. E la abbraccio quando mi sento inutile o le accarezzo il pelo per sentire un piccolo promemoria che non sono solo. Per il contesto, sono una studentessa di dottorato di ricerca sui vent'anni. Come ho detto, presto riceverò un aiuto professionale, ma il mio animale di peluche mi ha aiutato a tenerlo insieme finché non potrò ottenere quell'aiuto.

  • Anon

    18 febbraio 2017 alle 22:42

    Sono anche uno studente di dottorato che lavora a tempo pieno. Forse lo stress mi ha sull'orlo della follia, lol, ma recentemente ho comprato un gigantesco orsacchiotto in sostituzione del fidanzato che mi è saltato fuori l'anno scorso. Qualunque cosa lavori ... hai finito?

  • Lynne

    19 dicembre 2018 alle 07:40

    Un altro dottorando (iniziato nell'autunno del 2017), qui. Sono stato in una posizione piuttosto vulnerabile e dolorosa nell'ultimo anno o giù di lì (meno il carico di corso / AT e più di essere trans: ); in particolare nel marzo di quest'anno, vicino a un evento traumatico, quando ho rinunciato e ho deciso di acquistare una grande tigre di pezza (sono il mio animale preferito). Avevo pensato a un'ESA dal vivo, ma i cani in genere mi danno ansia e per qualsiasi animale ero preoccupato per la mia capacità di dare loro l'amore e le cure di cui avevano bisogno con il mio programma frenetico. La mia tigre è stata davvero fantastica per allontanare gli attacchi di ansia / destabilizzare, dormire meglio e sentirsi un po 'meno solo, il che è piuttosto importante durante quello che può essere un processo davvero solitario. L'unica cosa che fa schifo è che è troppo grosso per sopportare quando mi mandano all'estero.

  • Aria

    9 febbraio 2016 alle 15:48

    Ho 26 anni e ogni giorno porto segretamente con me nella borsa il mio animaletto di peluche perché mi dà grande conforto e sollievo. Avevo anche un cane e l'ho amata anch'io (ma è un grosso cane e non posso portarla ovunque).

  • Bart

    4 settembre 2017 alle 9:46

    Preferisco i piccoli ippopotami gialli mentre sono in movimento.

  • J

    12 aprile 2016 alle 23:20

    Sono un uomo di 32 anni che ha avuto di recente un incidente traumatico con potenziali conseguenze a lungo termine sulla mia salute. La mia famiglia ha portato un peluche all'ospedale dove sono rimasto un mese. Ora ce l'ho ancora e mi dà un senso di sicurezza e mi rallegra quando sono al massimo.

  • Linda W

    5 giugno 2016 alle 12:43

    Ho 52 anni femmina, sposata con due figli. Ho il mio orsetto di peluche da oltre trent'anni. È sempre stato una fonte di conforto soprattutto nei periodi di stress. Coccolarlo mi aiuta a sistemarmi per dormire la notte. Ho sempre avuto un animale di peluche preferito con cui dormire dall'età di due anni. Questo non mi scoraggia in alcun modo dal godere di stretti rapporti d'amore con mio marito e i figli quasi adulti.

  • Bi

    4 marzo 2019 alle 23:34

    Sono una donna di 42 anni che soffre di una grave depressione. Sono in procinto di ottenere un aiuto professionale, perché mi ha colpito al punto da mettere a repentaglio il mio impiego. Ho portato con me dei piccoli Woodstock imbottiti da casa, confortante sapere che sono lì.

  • Torah-Laura

    30 luglio 2019 alle 06:35

    Confessioni vere di una donna di 70 anni. Devo dire che lo studio a cui si fa riferimento qui è personalmente convalidante. Chi sapeva che un orsacchiotto di peluche potesse avere un impatto terapeutico così positivo su qualcuno che si sta riprendendo da problemi post traumatici complessi? Per favore, non essere troppo veloce nel giudicare coloro che possono trarre un effetto calmante, conforto e sostegno per coloro la cui storia era assente da tali, in modi che possono essere considerati non ortodossi. Non cammino all'ombra di nessuno senza vergogna, ma solo grato per aver affrontato alcuni bisogni precedentemente insoddisfatti in modi su cui inizialmente ero scettico. La disperazione può essere una motivazione sorprendente. La mia cara Saspirella Sassafrass è stata in molte occasioni un gradito antidoto a un background evolutivo di alienazione, isolamento e solitudine data l'assenza di contatto umano.