Blog Di venicsorganic

L'arte di confortare: come aiutare

Candele di compleanno acceseIl post del mese scorso si è concentrato su cosa NON fare e dire a un genitore che ha appena avuto una diagnosi di autismo. Ho ricevuto molti feedback e sono rimasto entusiasta della risposta. Molti di voi hanno condiviso le proprie esperienze simili e offerto le cose che hanno trovato più utili in quel periodo molto vulnerabile. Allora che aspetto ha un confortante efficace?

Speranza
Molti genitori mi dicono che avevano bisogno di un senso di speranza e che trovare il libro, l'insegnante, il consulente o il dottore giusti ha aiutato a coltivare quella speranza, sperando che questa non fosse la fine dei loro sogni per il loro bambino e che il loro bambino potesse imparare, crescere e migliorare. Le persone spesso non vogliono offrire speranza perché hanno paura di poter offrire 'false speranze'. Mi capita di pensare che la falsa speranza non esista. La speranza è definita da Merriam-Webster come 'nutrire un desiderio con anticipazione'. Le definizioni bibliche e scritturali di speranza dicono che si basa su ciò che sappiamo essere vero e che la speranza fornisce un senso di sicurezza, conforto, pace, protezione, coraggio e audacia. Un desiderio per queste cose non può mai essere 'falso', non più di quanto i sentimenti di qualcuno possano essere sbagliati. Il modo migliore per offrire speranza a qualcuno è ascoltare veramente il suo cuore e fargli sapere che sei lì. Alcune persone mi hanno inviato messaggi di speranza, in una nota, un'e-mail o un biglietto. Ho avuto vicini e amici che portavano i pasti durante i periodi di intenso stress. Ho avuto centinaia di persone che pregavano per la mia famiglia, nei momenti in cui ne avevamo più bisogno.

Rispetto
Se avessi un dollaro per ogni persona che voleva discutere sugli interventi che ho passato ore a ricercare e implementare per mio figlio, sarei in grado di finanziare la mia pensione. Ho avuto familiari, amici, insegnanti e perfetti sconosciuti che discutevano con me su come la dieta non abbia nulla a che fare con la funzione cerebrale, su come l'ossigenoterapia iperbarica non sia una terapia 'provata' e su come le tossine ambientali non influenzino la neurobiologia. Capisco quando le persone vogliono saperne di più sulle cose che sto implementando con mio figlio, ma sono sempre stupito quando scelgono di vincere una discussione piuttosto che rispettare la mia capacità di decidere cosa è meglio per mio figlio. Ciò di cui abbiamo bisogno è la comprensione. Ciò di cui non abbiamo bisogno è il giudizio.



Onestà
Ci sono così tante persone che hanno smesso di chiamarci e invitarci in posti perché non sapevano se nostro figlio sarebbe stato in grado di gestirlo. Ho sempre avuto un rispetto speciale per la mia amica, Yvonne, che conosco da quando i nostri figli erano piccoli. Ogni volta che uno dei suoi figli aveva una festa di compleanno, mandava un invito a entrambi i miei figli, poi chiamava e mi ricordava che mio figlio, Ben, era invitato e più che benvenuto ma che capiva anche se sarebbe stato troppo . Quindi si sarebbe offerta di fornire il trasporto a casa di mia figlia nel probabile caso in cui avessimo bisogno di lasciare la festa in anticipo con Ben, un'offerta che abbiamo accettato più di una volta. È stato un gesto semplice ma che significava così tanto e la dice lunga su come mi rispettava e si prendeva cura di me.

Quindi in poche parole,l'arte di confortare inizia con la scoperta di ciò di cui una persona ha bisogno, con amore, onestà e rispetto, per poi darglielo. Queste esigenze variano da famiglia a famiglia e richiederà un po 'di uscire dalla tua zona di comfort per scoprire come puoi essere di maggior aiuto. Non puoi mai sbagliare chiedendo come puoi aiutare, e poiché le nostre famiglie vivranno con questa diagnosi per molto tempo, non è mai troppo tardi.

Articoli Correlati:
L'arte di confortare: tre esempi di cosa NON fare
La gravità dell'autismo, parte 1

Copyright 2012 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Janeen Herskovitz, MA, LMHC , terapista a Ponte Vedra Beach, Florida

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 5 commenti
  • Lascia un commento
  • vernon

    19 marzo 2012 alle 15:17

    So che per me e mia moglie a volte i gesti più piccoli significano di più. Ci sono stati amici che abbiamo perso perché non sapevano come rispondere alla situazione. Ma altri sembrano essere lì esattamente quando ne hai bisogno, non dicendo che capiscono, ma con parole e preghiere gentili. Significa così tanto per noi.

  • DARREN K

    19 marzo 2012 alle 22:41

    Ebbene, il rispetto deve essere la principale priorità secondo me. Non tutti sono in grado di gestire la situazione o di dire qualcosa in un momento simile, ma almeno possono rimanere in silenzio piuttosto che discutere contro i genitori che stanno già attraversando un momento difficile. Se non puoi aiutare almeno non provare a discutere il loro punto di vista!

  • Ramona

    20 marzo 2012 alle 17:26

    Quando abbiamo avuto la diagnosi che nostro figlio era autistico, volevo solo arrampicarmi e morire. So che non era una condanna a morte, ma nemmeno questo era esattamente quello che sogni per tuo figlio. Quindi ho vissuto in modo abbastanza egoistico per un po 'e ho pensato a tutte le cose che avrei potuto fare o che i medici avrebbero potuto fare per causare questo. Ero così impegnato a essere ingrato che non sono riuscito a vedere la bellezza nel figlio che mi è stato dato. Con l'aiuto di alcuni meravigliosi membri della nostra chiesa sono riuscito a superare quel punto oscuro della mia vita, e non mi hanno costretto, ma mi hanno aiutato a rendermi conto che ero ancora vivo e mi hanno dato questa vita a cui dovevo Fai il meglio di. Potrebbe non essere stato il piano che avevo immaginato una volta, ma è stato comunque un viaggio e ho scelto di abbracciarlo.

  • ISABEL

    21 marzo 2012 alle 7:31

    Potresti non essere bravo con le parole di sostegno o potresti anche non essere molto a tuo agio in una situazione del genere, ma ricorda sempre che a volte solo la presenza, solo prestare orecchio e spalla è sufficiente per aiutare gli altri. francamente sono cattivo quando si tratta di consolare le persone.

  • clarke

    21 marzo 2012 alle 11:46

    È come se dessimo tutti la colpa a coloro che vogliono aiutare ma dicono la cosa sbagliata.
    Non è abbastanza che vogliano aiutare?
    Quindi, se manipolano l'offerta, puoi dire quando qualcuno è sincero e quando non lo è.
    Potrebbe non essere la cosa che avresti necessariamente detto, ma questo non lo rende sbagliato.
    Penso che siamo diventati tutti un po 'troppo schizzinosi e cerchiamo di abbattere qualcuno anche quando tende una mano per aiutare.