Blog Di venicsorganic

Essere un terapista cognitivo comportamentale non solo per le 'tecniche'

cory f newmanNota dell'editore: Cory F. Newman, PhD, ABPP, è un professore di psicologia presso l'Università della Pennsylvania e autore o coautore di diversi libri. La sua presentazione di formazione continua per venicsorganic.com, intitolataCompetenze fondamentali nella terapia cognitivo comportamentale: diventare un terapista cognitivo comportamentale efficace e competente, è programmato per le 9:00 PDT del 16 maggio. Questo evento, gratuito per i membri di venicsorganic.com, è valido per due crediti CE. Per i dettagli o per registrarsi, per favore clicca qui .

Molto è stato scritto sui metodi che compongono terapia cognitivo comportamentale (CBT) . Esiste un'abbondanza di ricerche a sostegno dell'efficacia della CBT nel trattamento di una serie di malattie psicologiche in una varietà di gruppi (età, sesso, etnia, ecc.). In quanto tale, la CBT viene descritta più accuratamente come un intero insieme di psicoterapie, con caratteristiche chiave in comune ma che mostrano anche differenze a seconda del problema e della persona da trattare, che sono state progettate e testate per soddisfare i più alti standard di cura.

Negli ultimi decenni, sono stati fatti grandi passi avanti nello sviluppo della CBT in modo che aiuti le persone anche quando dimostrano difficoltà psicologiche sul lato più serio dello spettro, come problemi di umore cronici , suicidio , ansia debilitante , dipendenze , stress post traumatico , problemi alimentari e molte altre aree di preoccupazione per la salute mentale. Inoltre, il campo è in continuo miglioramento, grazie alla tradizione CBT di perfezionare e ricercare nuovi modi di fornire cure. Sebbene la CBT non sia una 'cura' magica, è una potente tecnologia psicologica che sta aiutando sempre più persone, fornendo una speranza sempre maggiore per risultati ancora migliori in futuro.



Trova un terapista

Ricerca Avanzata

È facile pensare alla CBT come a un insieme di 'tecniche', principalmente perché esiste effettivamente un insieme di metodi fondamentali che sono più spesso associati a questa modalità che sono stati identificati come componenti chiave per aiutare le persone a far fronte e vivere di più effettivamente. L'elenco seguente è solo un esempio di tali tecniche, tutte descritte in dettaglio nei testi CBT e nei protocolli di ricerca sul trattamento CBT:

  • Risposta razionale o ristrutturazione cognitiva (ad esempio, tramite domande socratiche)
  • Attivazione e pianificazione comportamentale (comprese le valutazioni di 'maestria' e 'piacere')
  • 'Esperimenti' comportamentali
  • Risoluzione dei problemi
  • Automonitoraggio (stati d'animo, comportamenti, cognizioni, risposte fisiologiche)
  • Attività valutate
  • Esposizioni graduali a esperienze temute e prolungata esposizione a ricordi di traumi
  • Risposte di rilassamento (compreso il controllo della respirazione)
  • Consapevolezza
  • Immagini (guidate, ricostruttive e prospettiche)
  • Formazione sulle capacità di comunicazione
  • Formazione sulle abilità sociali

Questi sono solo alcuni dei metodi CBT che possono essere utilizzati efficacemente, non solo nello studio del terapeuta ma anche come parte dei compiti a casa - un'altra parte potente del trattamento che migliora il senso di autoefficacia delle persone, consolidando i loro ricordi per gli interventi e il loro capacità di eseguirli e portare a un buon mantenimento dei guadagni terapeutici.

Inoltre, la letteratura CBT è chiaro che la relazione terapeutica è una parte indispensabile di un intervento positivo ed efficace, così come una formulazione di un caso cognitivo comportamentale ben concepita. È qui che la CBT inizia ad andare oltre le tecniche e ad entrare nel regno delle qualità personali del terapeuta, dello stile di pensiero, dei modi interpersonali e delle abilità di ascolto, comprensione e comunicazione. La CBT non viene erogata dalle macchine e non viene fornita in 'dosi' preconfezionate che vengono 'prese' passivamente. Viene fornito da altri esseri umani chiamati 'terapisti', un gruppo piuttosto diversificato di individui con diversi anni di esperienza clinica e storie di formazione, nonché caratteristiche di personalità individuali che naturalmente giocano un ruolo nella loro competenza ed esperienza nella conduzione della CBT. Quali sono le qualità dei terapisti che hanno maggiori probabilità di essere altamente competenti? Cosa dovrebbero cercare le persone in un terapista per essere sicure che la CBT che stanno ricevendo sia una cura di prim'ordine?

La maggior parte delle persone pensa che la competenza e la competenza siano correlate alla formazione e all'esperienza, e questo presupposto è più che un fondo di verità. Quando un terapista ha una licenza, un consiglio di amministrazione certificato in terapia cognitivo comportamentale (p. Es., Tramite l'American Board of Professional Psychology e / o l'Academy of Cognitive Therapy), ha una storia sostanziale nel trattamento di persone e supervisione dei tirocinanti e ha una storia di pubblicazione e tenendo lezioni sulla CBT, ci sono buone possibilità che questo terapista sia informato ed efficace nella sfera clinica. Tuttavia, ci sono prove che anche i professionisti alle prime armi possono eseguire la CBT in modo molto competente se sono ben controllati. Pertanto, la competenza è molto più che la ripetizione di metodi e il riconoscimento di modelli nel tempo.

Quali sono alcune delle abitudini, atteggiamenti e qualità personali dei terapisti che amplificano la loro competenza e aiutano a ottenere i migliori risultati clinici, sia che praticano la CBT o qualsiasi altro trattamento basato sull'evidenza? Quanto segue può sembrare ovvio, ma merita più discussione e attenzione di quella che normalmente ricevono. Se le informazioni di seguito convalidano e rinforzano semplicemente ciò che già fai come terapista, avrò raggiunto il mio obiettivo con questo post. Ecco un esempio di elenco di suggerimenti, con alcuni commenti di accompagnamento:

Mostra rispetto per il tempo di una persona:Fare uno sforzo concertato per essere puntuali per le sessioni, per rimanere concentrati sulla persona nella sessione (p. Es., Raramente partecipando alle chiamate in arrivo, ai messaggi o ad altre distrazioni), per dare loro la piena assegnazione del tempo della sessione e provare per vederli non appena il tuo programma lo consentirà. Rispondi alle loro telefonate il prima possibile e sii comprensivo quando le loro legittime esigenze di vita rendono difficile per loro partecipare alle sessioni e / o svolgere i compiti di terapia regolarmente come sarebbe ottimale.

Fai i compiti e sii organizzato:Sii un buon modello per occuparti degli affari, essere preparato e aggiornato sulla situazione di una persona. Ciò include prendere buoni appunti sulla sessione di terapia, rivedere quegli appunti in modo da essere consapevoli e avere dimestichezza con le questioni che sono all'ordine del giorno della persona, portare a termine compiti extra-sessione come consultare gli altri professionisti della persona e rilasciare registrazioni quando richiesto, e essere disposto a rivedere i compiti assegnati dalla persona come parte dei propri compiti. Tutto ciò che puoi fare per facilitare la tua memoria dei dettagli della vita e della storia attuale della persona (inclusi i nomi dei membri della famiglia, eventi importanti nella loro vita e cose degne di nota che hanno detto nelle sessioni precedenti) è molto potente nel trasmettere il messaggio ', Ti apprezzo come individuo e ti sto fornendo un trattamento incentrato su di te, non solo sulla tua diagnosi. '

Sii professionale, etico e rispetta le questioni interculturali:Questo copre una vasta area, incluso parlare alle persone con un tono premuroso, solidale e fiducioso, mantenendo i confini professionali pur essendo amichevole, attento e personalizzabile, esaminando i dettagli del consenso informato, spiegando sia il tuo ruolo che il ruolo della persona nel trattamento , gestendo le richieste scomode in un modo calmo che non sia ipocrita, parlando in un modo che mostri rispetto per se stessi e rispetto per l'altra persona, ed essendo sensibile e sensibile alla sua identità culturale e alle questioni correlate.

Non limitarti a fornire istruzioni; fornire speranza e ispirazione:Ripensando ai giorni della scuola, la maggior parte di noi può ricordare almeno un insegnante particolarmente abile nell'ispirarci a imparare e ad ottenere il meglio da noi stessi come studenti. Sii come quell'insegnante quando tratti le persone. Molte persone si sentono letargiche, distratte, impotenti e senza speranza. Non ci basta fornire semplicemente istruzioni in tono neutro. Dobbiamo 'appoggiarci' e parlare in un modo che attiri la loro attenzione, promuova la speranza ed esprima fiducia in loro. Esprimere un impegno ad aiutare la persona anche quando ha difficoltà a prendere un impegno per il trattamento. Dai un feedback positivo anche quando le persone non riescono a crederci. Sii un modello per perseverare di fronte agli ostacoli e alle avversità e per non arrendersi. Condividete un po 'di umorismo appropriato al momento giusto per far sorridere e ridere le persone e per aggiungere un po' di energia positiva al dialogo terapeutico.

Sii aperto e desideroso di imparare:Uno degli aspetti più gratificanti dell'essere un terapista è incontrare così tante persone che hanno così tanto da insegnarci. Possiamo fornire alle persone un'istruzione sull'uso efficace della CBT nella loro vita, ma ci forniscono lezioni sulla vita stessa. Non limitarti a essere consapevole e aperto all'idea che le persone sono spesso i nostri insegnanti, abbraccia l'idea. È molto responsabilizzante per le persone quando i loro terapeuti le ringraziano per aver condiviso la loro conoscenza e saggezza, e arricchisce il terapeuta - sia nella sua vita personale, ma anche in termini di essere molto più consapevole e sensibile verso una diversità di persone in il futuro. Dimostra anche una rispettosa umiltà che amplifica la validità e la significatività di ciò che i terapeuti comunicano quando mostrano fiducia e autorità nell'insegnamento dei metodi CBT alle persone.

Trova la 'foto che vale più di mille parole':Un po 'di creatività può fare molto in terapia, soprattutto se fa un'impressione positiva sulle persone e le aiuta a ricordare concetti importanti a lungo termine. Usare metafore, analogie, immagini, domande ipotetiche e storie con cui le persone possono relazionarsi personalmente sono potenti veicoli di apprendimento. Quando i terapeuti si impegnano a prestare attenzione alle cose che contano di più per le persone (e che le definiscono come individui), come i loro hobby, la loro professione, le loro pratiche e convinzioni culturali, le loro relazioni e ricordi più importanti e le loro opinioni sulla vita e sul mondo, i terapeuti sono in grado di fornire un feedback che risuona profondamente. Brevi esempi includono:

  • La persona è un giudice che lo è cronicamente depresso e che afferma di non poter usare la risposta razionale come tecnica per i compiti a casa perché non crede a nulla di speranzoso. Il terapeuta incoraggia questo giudice a elaborare risposte razionali ben scritte come 'opinioni dissenzienti' in risposta alle 'decisioni della maggioranza'. All'interno di questo formato legale, la persona diventa quindi molto interessata a utilizzare la risposta razionale in modo efficace per espandere il suo pensiero.
  • La persona è un uomo di mezza età che è sottoccupato, allontanato dalla sua famiglia, che combatte le dipendenze e che crede di aver rovinato la sua vita e che 'non ha senso andare avanti'. Ama anche il calcio. Pertanto il terapeuta osserva che le squadre escono sempre per la seconda metà della partita, non importa quanto sia andata male la prima metà. Discutono di come questa persona possa uscire per la 'seconda metà' della sua vita e giocare come se fosse in grado di giocare, dando ai fan qualcosa per cui tifare, giocando per orgoglio e almeno cercando di 'vincere la seconda metà'. Da quel momento in poi, la persona ricorda a se stessa che 'devo giocare una seconda metà migliore' ogni volta che si sente scoraggiato per il suo passato.
  • Una persona che è un musicista ha l'abitudine problematica di travolgere gli altri con le sue emozioni e il bisogno di attenzione. Quando gli altri non rispondono favorevolmente, si sente respinto e schiacciato, e poi cerca ancora di più di attirare l'attenzione degli altri in modi drammatici, il che serve solo a peggiorare le cose. Finisce per credere che nessuno la ami e che sia orribilmente imperfetta. Il terapista quindi discute la musica preferita della persona, le chiede di immaginarla e poi le chiede cosa accadrebbe se il volume fosse aumentato a 200 decibel. La persona dice che avrebbe bisogno di coprirsi le orecchie e lasciare immediatamente la stanza, dopodiché il terapeuta chiede: 'Significa che la musica era imperfetta e dovrebbe essere rifiutata?' La persona risponde: 'No, la musica è bellissima, ma dobbiamo abbassare il volume, per gridare forte', e lei ride. Il terapeuta poi offre che la persona è come quella musica. Altri potrebbero potenzialmente amarla e apprezzarla per quello che è, ma lei deve abbassare il volume. Questa analogia è servita a motivare questa donna a monitorare se stessa e a 'ridurre l'intensità' più di qualsiasi altro intervento.

In sintesi, la CBT è una potente tecnologia per il cambiamento psicologico, ma l'elemento umano è parte integrante dei metodi CBT. Professionisti competenti della CBT sanno come utilizzare le tecniche fondamentali che si sono dimostrate efficaci, ma amplificano l'impatto positivo di questi metodi attraverso le loro qualità personali, abitudini e atteggiamenti che comunicano cura, trasmettono comprensione e rispetto accurati e ispirano le persone a ricordare e utilizzare gli aspetti più importanti del trattamento a lungo termine.

Riferimenti:

  1. Beck, J. S. (2011).Terapia cognitivo-comportamentale: nozioni di base e oltre(2 °ed.). New York: Guilford.
  2. Butler, A. C., Chapman, J. E., Forman, E. M. e Beck, A. T. (2006). Lo stato empirico della terapia cognitivo comportamentale: una revisione delle meta-analisi.Revisione di psicologia clinica,26, 17-31.
  3. Dobson, D. e Dobson, K. S. (2009).Pratica basata sull'evidenza della terapia cognitivo comportamentale. New York: Guilford.
  4. Gilbert, P. e Leahy, R. L. (a cura di). (2007).La relazione terapeutica nelle terapie cognitivo comportamentali(pagg. 106-142). New York, NY: Routledge.
  5. Greenberger, D. e Padesky, C. A. (1995).Mente sull'umore. New York, NY: Guilford.
  6. Hays, P. A. e Iwamasa, G. Y. (a cura di). (2006).Terapia cognitivo comportamentale culturalmente reattiva: valutazione, pratica e supervisione. Washington, DC: American Psychological Association.
  7. Kazantzis, N., Whittington, C. e Dattilio, F. (2010). Meta-analisi degli effetti dei compiti a casa nella terapia cognitiva e comportamentale: una replica ed estensione.Psicologia clinica: scienza e pratica, 17, 144-156.
  8. Knapp, S. J. e VandeCreek, L. D. (2006).Etica pratica per psicologi: un approccio positivo.Washington, DC: American Psychological Association.
  9. Kuyken, W., Padesky, C.A.e Dudley, R. (2009).Concettualizzazione del caso collaborativo: lavorare efficacemente con i clienti nella terapia cognitivo-comportamentale. New York: Guilford.
  10. Newman, C. F. (2012).Competenze principali nella terapia cognitivo-comportamentale: diventare un terapista cognitivo-comportamentale altamente efficace e competente. Londra: Routledge.
  11. Newman, C. F. (2011). Terapia cognitivo-comportamentale per adulti depressi. In D. W. Springer, A. Rubin e C. G. Beevers (a cura di),Guida per il medico alla pratica basata sull'evidenza: trattamento della depressione negli adolescenti e negli adulti(pagg. 69-111). Hoboken, NJ: Wiley.
  12. Nezu, A. M., Nezu, C. M. e D'Zurilla, T. J. (2013).Terapia per la risoluzione dei problemi: un manuale di trattamento. New York: Springer.
  13. O’Donohue, W. T. e Fisher, J. E. (a cura di). (2009).Principi generali e tecniche di terapia cognitivo-comportamentale supportate empiricamente. Hoboken, NJ: Wiley.

Copyright 2014 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da, terapista a Philadelphia, Pennsylvania

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore di cui sopra. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati sotto forma di commento.

  • 5 commenti
  • Lascia un commento
  • Costanza

    30 aprile 2014 alle 10:47

    Tutti gli elementi che hai elencato come rilevanti per uno in uno studio CBT? Tutto questo potrebbe essere trasformato e scritto così facilmente che tutti noi dovremmo fare nella vita e con le nostre interazioni con gli altri. Grazie mille per il chiarimento su ciò che fai nella tua pratica e per le sagge parole che tutti noi dovremmo portare con noi ogni giorno.

  • Sara

    1 maggio 2014 alle 03:36

    Non credo che potrei mai ricevere consigli da qualcuno che semplicemente non sembrava avere tutto insieme, capisci cosa intendo? Voglio che la persona che mi sta consigliando sia su un terreno solido e che sembri che abbia tutto insieme anche se non lo fa, perché penso che come cliente questo sia ciò che mi farà sentire più a mio agio.
    La mia vita è già caos, sto cercando qualcuno che possa aiutarmi a calmare un po 'di questo e gestirlo nella mia vita. Non voglio che stiano vivendo lo stesso tipo di vita frenetica che faccio io, o se lo fanno, voglio che mi mostrino come gestiscono il tutto senza un po 'di stress e ansia che provo.

  • Georgia S

    2 maggio 2014 alle 03:47

    Diresti che la CBT è la forma più comune di terapia utilizzata oggi sul campo?

  • Cory F. Newman, Ph.D.

    2 maggio 2014 alle 16:46

    Vorrei rispondere brevemente ai tre autori di cui sopra. Constance, grazie per le tue parole positive. Sono d'accordo che molte delle qualità che rendono un buon terapeuta sono le stesse qualità che rendono una persona saggia, premurosa e ben funzionante di qualsiasi persuasione o professione. Ciò si ricollega a ciò che ha scritto Sara. Penso che tu abbia ragione sul fatto che è molto confortante e rassicurante se il terapeuta sembra essere calmo, riflessivo, equilibrato, sicuro di sé e in grado di mettere in pratica ciò che lui o lei 'predica' ai clienti su come affrontare in modo efficace. Alla Georgia direi che la CBT è certamente una delle forme di terapia più utilizzate, ma penso ancora che il campo abbia più lavoro da fare per assicurarmi che sia disponibile a più persone, in più luoghi. Grazie per l'interesse nei miei commenti originali!

  • Pam

    9 maggio 2014 alle 18:51

    Sono d'accordo con te su questo articolo, ma allo stesso tempo vorrei sapere cosa ne pensi di DBT.