Blog Di venicsorganic

Lasciarsi è difficile

Cuore spezzatoIl dolore che deriva da una rottura di una relazione può essere atroce e può seguire un modello simile al dolore derivante da una perdita correlata alla morte. La differenza principale è che l'altra persona è ancora in giro e questo può causare problemi nel processo di separazione.

Le reazioni comuni al dolore possono essere intorpidimento, shock, confusione, rabbia, tristezza, senso di colpa, rimpianto, ricerca, mancanza di scopo, ansia e sollievo. Le persone tendono a provare queste emozioni e i pensieri che ne scaturiscono quando c'è stata una perdita di qualsiasi tipo. Con le rotture difficili, tuttavia, ci si può concentrare intensamente sulle emozioni e sui pensieri che si crede possano essere risolti parlando o tornando insieme all'altra persona. Questo è il desiderio di riconnettersi con la persona che si era persa e non è la stessa cosa dello stalking o del comportamento ossessivo.

Trova un terapista per il dolore

Ricerca Avanzata

Dopo un rottura , è importante riconoscere il vecchio adagio che 'il senno di poi è 20/20'. Questo è vero anche per le perdite legate alla morte. Ad esempio, quando qualcuno guarda indietro e pensa: “Avrei dovuto sapere che il dolore di cui si lamentava era il cancro! Avrei dovuto esortarla a fare un controllo prima, e poi sarebbe stata viva. ' Sebbene si possa trarre una lezione per il futuro, di solito ci sono sentimenti di colpa, rabbia e tristezza che si dissipano nel tempo. Di solito, il sopravvissuto non ha altra scelta che accettare quello che è successo e come è successo e rendersi conto che non si può tornare indietro.



In una separazione romantica, poiché entrambe le persone sono ancora vive, a volte c'è la possibilità di 'tornare indietro' e 'aggiustare' le cose. Afferrare questa speranza di riconciliazione può mandare in cortocircuito l'accettazione, perché l'attenzione non è sull'accettazione di un fatto immutabile della natura, come la morte. L'obiettivo è cambiare l'essere separati per stare di nuovo insieme, almeno in superficie. Sotto la superficie, ciò che una persona può desiderare di cambiare sono in realtà i suoi sentimenti: smettere di sentirsi in colpa, sedare la rabbia e confortare la tristezza. Ci sono persone che desiderano riconciliarsi per rendere felice l'altra persona, ma questa strategia può avere successo solo se l'altra persona è disponibile e ricettiva a tale generosità.

Molto dipende dalla relazione e dalle persone coinvolte. Ci sono certamente storie di persone che divorziano e anni dopo si risposano (e poi divorziano di nuovo, ecc.). Abbiamo tutti sentito parlare di quelle coppie che si lasciano e tornano insieme più e più volte. Ci sono fattori per voler riconciliare come il matrimonio, i figli, la famiglia, i progetti futuri, la proprietà, il sesso e l'amore, solo per citarne alcuni.

A volte, questi fattori non sono sufficienti. Troppa negatività - rabbia, risentimento e disperazione - si è accumulata perché qualcosa abbia più importanza della rottura. A questo punto, chi vuole tornare alla relazione può dimorare nel senso di colpa, rimpianto, rabbia e tristezza. 'Ero una ragazza orribile.' 'Non avrei dovuto occuparmi del suo caso riguardo al suo bere.' 'Se avessi accettato solo la consulenza di coppia, potremmo essere ancora insieme.' 'Come ha potuto farmi questo?' 'Nessuno mi amerà mai come ha fatto lui.' Quando tornare insieme non accadrà nel prossimo futuro, questi sentimenti e pensieri possono mantenerci in contatto con la persona smarrita. La connessione non si basa sull'amore e l'affetto, ma sul dolore e sul desiderio. Tuttavia, questa è ancora una connessione. È normale volerlo, e la maggior parte delle persone sente questo tipo di connessione fino a un certo punto, ma quando inizia seriamente a disturbare il modo in cui qualcuno funziona in altre aree della vita come la scuola, il lavoro, la famiglia e gli amici, allora questa connessione si pone un problema più grande.

L'idea di interrompere questa connessione è spesso troppo per chi ha il cuore spezzato da immaginare, ma sprofondare in emozioni e pensieri che ci tengono bloccati nel passato dei nostri errori e nel processo di apprendimento ci porterà a ignorare il presente e il futuro. Un modo migliore per superare l'angoscia è integrare la perdita e cercare il perdono di sé (e perdonare l'altra persona) passo dopo passo.

Integrare una perdita significa sapere e accettare che c'è una parte del proprio cuore che amerà sempre l'altra persona. Lui o lei potrebbe essere 'quello che è scappato' e potrebbe sempre esserci una fitta di dolore quando si pensa a questa persona, ma spostare l'attenzione sulla relazione che si sta facendo, in passato, e con i suoi alti e bassi aiuterà alleviare il dolore provocato dal pio desiderio, mascherato da speranza. Piangi la relazione e perché è finita, invece di cercare di convincere l'altra persona a tornare, a spiegare o perdonare.

Auto-perdono e perdono dell'altra persona allo stesso modo richiedono una pratica di accettazione, così come il riconoscimento e la consapevolezza che trattenere i propri sentimenti di indegnità, o la vergogna dell'altra persona, o qualsiasi altro giudizio, serve solo a mantenere uno connesso alla miseria.

Ricorda che, come con il lutto, le persone hanno diversi stili di rottura. Alcuni si riprendono più velocemente di altri e alcuni impiegano più tempo. È individuale e può essere irritante o confuso per i partner, la famiglia e gli amici quando due persone da una relazione piangono la rottura in modo diverso. Come per tutte le ferite, tratta il dolore con compassione e generalmente evita di dire cose che potrebbero invalidare e sminuire l'esperienza, come 'Ci sono altri pesci nel mare', 'Sei giovane', 'Troverai qualcun altro , 'O' Devi solo superarlo. '

Nel frattempo, per chi ha il cuore spezzato: essere pazienti con se stessi, trovare persone di supporto con cui parlare (incluso un consulente o un terapista), socializzare, fare esercizio e trovare alcune sane distrazioni renderanno la strada per sentirsi di nuovo un po 'meno accidentata.

Articoli Correlati:
Aloha, laureato!
Cosa fare quando pensi che la tua relazione sia finita
Perché il signor Wrong si sente come il signor Giusto?

Copyright 2012 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Ivan Chan, MA, MFTi, terapista a Santa Cruz, California

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 19 commenti
  • Lascia un commento
  • marissa

    18 luglio 2012 alle 11:36

    Ricordo vividamente la primissima rottura che ho subito quando ero innamorato di una persona. Hai presente il primo che ti spezza il cuore? Ne avevo dieci volte! Oh, mi ha quasi ucciso. Mi chiedevo costantemente con chi fosse e cosa stesse facendo, e sembrava che non avrei mai superato quella perdita. È stato particolarmente difficile quando ho sentito che era fidanzato. Pensavo che questa fosse la fine, non potrò mai andare avanti adesso, perché penso che nel mio cuore ho sempre pensato che sarebbe tornato da me. Ma è stato solo dopo quel controllo di realtà che non sarebbe successo che sono stato finalmente in grado di iniziare a guarire. Non so perché ho dovuto aspettare fino a quel momento, ma immagino che sia stato allora che mi è sembrato davvero definitivo e sapevo che non avevo altra scelta se non quella di andare avanti.

  • Rochelle

    18 luglio 2012 alle 12:05

    Ottimo articolo! La guarigione da una rottura avviene passo dopo passo, con il perdono, l'accettazione e un po 'di tempo.
    L'ultima rottura che ho attraversato, l'abbiamo gestita entrambi in modo simile, molte lacrime, rimorsi e rimpianti. Ma nel tempo siamo riusciti a essere due persone che hanno condiviso qualcosa che aveva il suo tempo.

    Per me, il perdono e l'accettazione hanno richiesto circa due anni. È una parte necessaria per andare avanti in modo sano.

  • Burke

    18 luglio 2012 alle 15:07

    Ogni volta che mi è successo, cerco di dirmi che queste cose accadono per un motivo.

    Potresti non capirlo in quel momento, ma potrei quasi prometterti che una volta che sarai in grado di guardarci indietro in seguito, ti renderai conto che rompere le cose è probabilmente una delle cose migliori che avresti potuto fare.

    Ciò che può sembrare una grande perdita in questo momento, potresti un giorno guardare indietro e vederlo per il grande sollievo che molto probabilmente sarà.

  • Gresham T

    19 luglio 2012 alle 04:25

    Una volta tagliati quei legami, non solo senti un senso di perdita dal tuo coniuge, ma pensa alla perdita che potresti provare se ti fossi avvicinato anche alla famiglia di quella persona. Non suppongo che solo perché rompi con uno significa che devi tagliare quei legami con tutti, ma in genere è quello che succede. Le persone che una volta ti erano vicine sono costrette a scegliere da che parte stare e raramente finisce per mantenerle nella tua vita. Quindi per molte persone non stai solo perdendo un ragazzo o una ragazza, potresti anche perdere una famiglia allargata e altri amici.

  • C.H

    19 luglio 2012 alle 19:47

    Ho avuto una dura rottura con la mia ragazza di oltre tre anni solo due mesi fa, anche se il peso emotivo della rottura era interamente su di me, o almeno così pensavo che fosse. Mi ha tradito e dopo un sacco di chiacchiere e cerca di farlo funzionare alla fine ci siamo lasciati.

    Ma ora che ho capito che aveva torto e se qualcuno sta sentendo il carico emotivo, allora deve essere il partner traditore e non quello che è stato tradito.Mi sento molto meglio ora ma spero solo che tutti quelli che stanno attraversando una rottura troverà conforto in qualcosa, perché può ferire così tanto.

  • corbin

    20 luglio 2012 alle 04:37

    particolarmente difficile quando devi vedere quella persona in giro tutto il tempo

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 alle 10:33

    Ciao Marissa,

    Grazie per il tuo commento perspicace. Penso che a volte ci vuole qualcosa di così drastico come l'altra persona che è fidanzata per accettare la rottura e andare avanti. Come ho scritto nel mio articolo, con le perdite legate alla morte, la morte è quell'evento drastico che ci costringe a lottare e alla fine ad accettare la perdita.

    A volte, è dire a noi stessi che qualcosa è finito (ancora e ancora) che ci aiuta a lasciar andare quella speranza. Aiuta anche a impedire a noi stessi di riaccendere quella scintilla di speranza: smetti di controllare la loro pagina Facebook, smetti di inviare loro messaggi, ecc.

    Un mio amico ha registrato un messaggio sul suo telefono e ha appeso allo specchio del bagno 'Non chiamarla' e 'Non tornerà', il che lo ha aiutato molto. L'ho consigliato ai miei clienti e anche loro l'hanno trovato utile.

    Stai attento,

    Ivan

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 10:39

    Ciao Rochelle,

    Grazie per aver postato il tuo commento! Il tempo gioca sicuramente un fattore (anche se può essere difficile dirlo a qualcuno, specialmente una banalità come 'Il tempo guarisce tutte le ferite'. La maggior parte delle persone vuole qualcosa da fare per fermare il dolore, e aspettare pazientemente è quasi impossibile). Suggerisco ai miei clienti di trovare un modo per segnare i loro progressi: come sapranno quando si sentiranno meglio? Quando possono ridere di un film stupido? Quando possono uscire con i loro amici e non parlare della rottura? Spetta a ciascuna persona decidere cosa dimostra che si sente meglio.

    Mi piace anche che tu e il tuo ex avete capito che eravate entrambi in una relazione che ha avuto il suo tempo. Questa è una consapevolezza molto importante per alcune coppie: 'Questa relazione ha fatto il suo corso'. Potrebbe esserci ancora amore, rabbia o qualcos'altro, ma la relazione stessa è completata.

    Grazie anche per aver condiviso la sequenza temporale che ti ci è voluta per raggiungere l'accettazione e il perdono. È diverso per tutti, ma è confortante per le persone sapere che non devono 'averlo già superato' in breve tempo. Alcuni dei miei clienti si aspettano di superare una relazione a lungo termine nel giro di poche settimane e, sebbene ciò possa accadere, potrebbe non essere così, e affrettarsi può esacerbare il dolore.

    Stai attento,

    Ivan

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 10:41

    Ciao Burke,

    Grazie per il tuo commento!

    Penso che sia positivo che tu abbia un modo di pensare alle rotture che ti aiutano ad andare avanti nella tua vita. Abbiamo tutti bisogno di qualcosa che ci aiuti a dare un senso alle cose.

    La cosa importante di quello che hai detto è che quando guardi indietro, e poi guardi di nuovo avanti, non racconti a te stesso una storia che rende la tua vita e le tue relazioni una tragedia.

    Le storie che ci raccontiamo di noi stessi ci definiscono.

    Stai attento,

    Ivan

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 10:51

    Ciao Gresham,

    Questo è un ottimo punto!

    Sì, la perdita è raramente limitata alla perdita primaria stessa. Quando perdiamo un lavoro, possiamo anche perdere colleghi, amicizie, reddito, casa, coniugi, rispetto, ecc. La stessa cosa vale per una rottura: possiamo perdere i 'suoceri' (che tu sia sposato o non), che potrebbe essere molto doloroso.

    Come ho scritto nell'articolo, le persone affrontano le rotture in modo diverso. Le persone possono tracciare linee di lealtà ('questi sono i MIEI amici / famiglia'), e anche gli amici e la famiglia possono sentire questa pressione o fedeltà.

    Tuttavia, ho anche conosciuto diverse persone che hanno negoziato 'una pace separata' con i membri della famiglia e li ho visti separati dall'ex. Allo stesso modo, ci sono state anche rotture amichevoli in cui (dopo un po '), entrambi gli ex possono partecipare a eventi familiari e amici senza farsi il malocchio l'uno dall'altro (o dagli altri). Questo può essere raro (non posso davvero dirlo), ma esiste, il che significa che è possibile. Mi fa pensare a una battuta in Clueless, dove il padre dice: 'Divorziate da mogli, non da figli'.

    Grazie ancora per aver condiviso la tua visione delle conseguenze di una rottura. Potrebbe essere un futuro argomento per un articolo!

    Stai attento,

    Ivan

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 alle 11:01

    Ciao C.H.,

    Apprezzo il tuo post. È molto tempo per stare insieme, e mancano solo due mesi: è dura. Hai la mia simpatia.

    Le conseguenze di una relazione su una relazione possono essere devastanti. Sebbene alcune coppie possano guarire questa ferita e diventare effettivamente più forti, questo non sempre accade.

    Mi dispiace che tu abbia sentito che avresti dovuto portare su te stesso l'intero fardello della rottura. Questo è ingiusto per te e ingiusto per la relazione, francamente, perché la relazione appartiene a entrambi, quindi il peso deve essere condiviso. Una persona, che sia tu o lei a detenere tutta la colpa, può farti avanzare un po ', ma può essere limitante.

    Piuttosto che incolpare te stesso o lei (mettendo il carico emotivo sulla tua schiena o su di lei), considera che * entrambi * potresti essere responsabile in qualche modo. Questo non la scusa per averti tradito! E questo non ti sta incolpando di essere un 'cattivo ragazzo'. Sta cercando di dare uno sguardo onesto al motivo per cui è successo, a dove entrambi siete responsabili e a come potete farlo in modo diverso la prossima volta. Questo ti aiuterà non solo ad andare avanti, ma ad andare avanti in modo pulito.

    La tua responsabilità può venire sotto forma di 'Non ero attento e ho dato la priorità ad altre cose prima di lei' o anche, 'Sapevo che tendeva a farlo, ma speravo che valesse la pena che fosse fedele'. Ancora una volta, questo non è per scusare le sue azioni (è responsabile delle sue scelte e delle conseguenze). È per consentirti di vedere dove potresti cambiare un comportamento, un sentimento o un pensiero la prossima volta, in modo da non ripetere questa esperienza.

    Stai attento,

    Ivan

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    20 luglio 2012 alle 11:04

    Ehi Corbin,

    Wow. Sì, vedere il tuo ex in giro tutto il tempo è difficile!

    Se riesci a trovare un po 'di tempo lontano dal vedere l'ex, prova a massimizzare quel tempo: esci con i tuoi amici, ecc.

    Questa è dura. Come lo affronti?

    Stai attento,

    Ivan

  • Lei

    11 febbraio 2013 alle 11:08

    So che questo articolo parla di essersi veramente lasciati ... Sono nelle primissime fasi della separazione. Ho tutti quei sintomi di dolore e li ho riconosciuti perché ho anche vissuto la tragica morte di un precedente partner. In realtà ho detto quegli esatti sentimenti a mia moglie: è lo stesso senso di perdita, ma tu sei ancora qui.

    Però. Mentre alcuni dicono che potrei essere nella fase di negazione, penso che ci sia qualcosa da dire per non andarmene subito. ha indicato che vuole separarsi. Stiamo insieme da 10 anni e abbiamo 2 figli. Entrambi dobbiamo fare uno sforzo per determinare se separare è davvero la cosa giusta da fare. Non solo per il bene dei bambini, non solo per il bene dei nostri cuori. Inoltre, (questo suona freddo), per il bene della nostra sicurezza finanziaria. Ora non sono io che dica di stare insieme per non perdere la casa. Sono stato senza, non ho avuto niente. È scomodo, ma ho resistito a quella tempesta. Il punto è: siamo disposti a rischiare di perdere tutto solo per scoprire lungo la strada che avremmo dovuto restare insieme? Oppure togliamo completamente le finanze dal tavolo. Sono disposto a mostrare ai miei figli, con l'esempio, che quando qualcosa è estremamente difficile smetto? No.

    In ogni caso, come ho detto, so che questo articolo parla di essersi effettivamente lasciati (anche se, tecnicamente, l'abbiamo fatto), ma alcuni altri che lo hanno letto potrebbero trovarsi nella stessa posizione in cui io ... non si aggrappano ossessivamente alla negazione, ma il bisogno di lottare ancora per ciò che, a lungo termine, potrebbe essere giusto.

    :)

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    12 febbraio 2013 alle 7:49

    Ciao Elle,

    Grazie per aver condiviso la tua esperienza!

    La rottura è un processo e possiamo provare dolore in qualsiasi momento, anche prima che la rottura “ufficialmente” inizi o finisca. Quando accade prima che finisca, può essere considerato “lutto anticipatorio. '

    Non credo che tu stia negando. Sembri perfettamente consapevole di ciò che sta accadendo. Sembri fiducioso e disposto a combattere per questa relazione. Una separazione non è un divorzio, e non è finita finché non è finita.

    Finanze, bambini, ecc. Entrano in gioco per tenere unite le persone. A volte è il collante che tiene insieme le persone nei momenti difficili in modo che possano arrivare a tempi migliori. L'idea di felicità individuale può essere superata dalla stabilità collettiva o viceversa; dipende dai tuoi valori e dalla tua cultura. Non è una misura della tua freddezza, perché gli aspetti pratici figurano nelle nostre vite e nelle nostre scelte.

    Detto questo, spero che voi due troviate un modo per risolvere le cose. Dieci anni sono un tempo lungo per costruire una logica per rompere (o stare insieme). Potresti aver bisogno di un abile consulente di coppia che ti aiuti a ritrovare la strada.

    Stai attento,

    Ivan

  • renee

    19 febbraio 2013 alle 16:56

    Sono stato completamente fuori dalla mia relazione di 11 anni per 3 mesi, cioè dopo 7 mesi di dolore agonizzante per aver cercato di capire perché è un dipendente dal sesso e un imbroglione. Altrimenti eravamo migliori amici. e ora, dopo quasi un anno, non riesco a liberarmi della rabbia e non posso perdonare. Continuo a desiderare 'questo non è mai successo'. Lo so. questa è la cosa più scioccante e dolorosa che mi sia mai capitata. e ho 50 anni e ne ho passate tante nella mia vita. Alcuni giorni vanno bene e altri, mi sento come se stessi piangendo dolorosamente nel mio cuore. Voglio che il dolore se ne vada, sono in terapia, ma non abbastanza credo. Sono solo per il mio compagno e ho bisogno di nuovo amore. non sono ancora pronto per innamorarmi di nuovo. Immagino di essere una di quelle persone che impiegano 2 anni per riprendersi.

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    22 marzo 2013 alle 13:12

    Ciao Renee,

    Grazie per aver condiviso la tua esperienza con noi.

    Mi dispiace che tu stia soffrendo così tanto per il tuo cuore spezzato. È stato quasi un anno di lotta con quello che è successo e perché, ma ricorda anche che sono passati circa quattro mesi (in questo momento in cui scrivo) da quando hai rotto con lui, e questo significa che sei nella parte iniziale del processo di lutto .

    Cerca di tenere traccia con il tuo terapista di ciò che sta succedendo al segno dei sei mesi e dell'anniversario della rottura. Concentra la tua attenzione su ciò che è stato un po 'meglio per te nel tempo. Ad esempio, se ti ritrovi a pensare a lui e ad arrabbiarti ogni giorno della settimana in questo momento, è diminuito, anche un po ', entro i sei mesi? Forse solo cinque giorni alla settimana invece di sette? È importante che tu scelga le tue pietre miliari e i modi per misurare il tuo miglioramento, non altre persone.

    Oltre a concentrarti su come il tuo cuore sta guarendo nel tempo, verifica con il tuo terapeuta che la terapia sta funzionando per te. Se il tuo obiettivo è trovare un modo per esprimere la tua rabbia ed essere in grado di perdonare, assicurati che questa sia la direzione in cui stai andando con il tuo terapeuta; altrimenti, potrebbe essere il momento di trovarne uno che soddisfi le tue esigenze. Consiglio vivamente anche il libro Forgive for Good. Non si tratta di 'perdonare e dimenticare', si tratta di trovare un modo per perdonare che ti libererà dal peso di portare la tua rabbia e tristezza.

    A volte capire 'perché' qualcuno si comporta nel modo in cui agisce può essere d'aiuto, soprattutto se consideriamo che potrebbe non avere nulla a che fare con noi e potrebbe essere completamente fuori dalla nostra influenza e controllo. Le dipendenze ei comportamenti compulsivi riguardano più la persona che li vive (e ne soffre), che le persone intorno a loro che potrebbero subire le ricadute come vittime.

    Potrebbero essere necessari due anni per recuperare, o potrebbe essere più breve, o potrebbe essere più lungo. Sii gentile con te stesso quando puoi e continua a cercare sostegno.

    Stai attento,

    Ivan

  • Maria

    12 giugno 2013 alle 21:05

    Sto ancora cercando di trovare perdono e chiusura dopo una relazione di due anni con un ragazzo. È terminato questo febbraio e sono passati esattamente quattro mesi da allora. Ne abbiamo passate MOLTE insieme e praticamente l'ho aiutato a sopravvivere per due anni. È stato un buon rapporto (o almeno così pensavo) per i due anni e quando le cose hanno iniziato a cambiare a gennaio, non sapevo come affrontarlo. Ho implorato di uscire e ho cercato di capire perché è cambiato. Stava solo aspettando che lo interrompessi. Ha rotto con me al telefono !! 2 anni 2 mesi e 20 minuti dopo è stato appena fatto. Quello semplice per lui. Ma non per me.

    Ho pianto e mi sono seduto nella mia stanza per circa un mese di fila, un giorno sono rimasto a casa dal lavoro e dalla scuola, ho parlato costantemente con i miei amici e la mia famiglia implorando alcune risposte e comprensione, perché era 'troppo impegnato' anche per dire una parola. Avevo iniziato a provare di tutto per farmi sentire meglio. Ho cercato di capire perché si è comportato in quel modo e perché pensava che meritassi di sentirmi in questo modo, e poi un giorno ho sentito questa parola che improvvisamente ha scatenato tutte le mie risposte. La parola era narcisista. Ogni definizione (che in precedenza non avevo idea di cosa significasse) corrispondeva esattamente alla sua personalità e al suo comportamento. Sono stato subito sollevato. Ho continuato a cercare cose relative a questo e mi ha aiutato molto.

    È molte cose, ma questo è stato il segno più grande per me che ero stato giocato alla grande. Sapevo che la relazione era stata sotto il suo controllo per tutto il tempo. Non risponde a tutte le mie domande, ma ha fermato definitivamente le mie sedute di pianto e tristezza. Da allora mi sono sentito meglio (rimango single per un po ').

    Tuttavia, il motivo per cui volevo scrivere era per ottenere il tuo consiglio nei giorni in cui mi sono sentito di nuovo a pezzi ... Il motivo per cui lo faccio è perché mi ha promesso di restituirmi una certa somma di denaro .. stupida promessa, lo so. Mio fratello è subentrato e stava per ottenere i soldi da lui, quindi non avrei dovuto occuparmene ogni due settimane. Quindi non ho sentito mio fratello per più di un mese perché il mio ex ha chiesto altre due settimane per essere pagato. Beh, anche mio fratello è stato ingannato. Il mio ex attualmente non ha soldi, nessun 'conto di risparmio' da darmi, li ha spesi. Quindi per me è stata un'altra enorme perdita e un altro enorme errore pensare che avrei ottenuto qualcosa da lui. Sono crollato ma ho accettato di perdere i soldi ... è stata una mia scelta spendere i miei soldi per lui.

    Quindi ... il mio ultimo problema è: rivoglio la mia roba. Ci sono una decina di cose che so di aver discusso perché lui mi restituisse. Quattro mesi dopo, non ho niente. Niente soldi, niente roba mia, niente spiegazioni, niente chiusura. Solo la sua lunga lista di scuse e un sacco di rimpianti, tristezza, perdita di speranza e, soprattutto, rabbia verso me e lui.

    Non voglio rinunciare a riavere le mie cose. La mia famiglia sta iniziando a rinunciare alla situazione. Gli oggetti non significano molto, ma sono preziosi per me e sarebbe molto importante per me riaverli. Ci penso da quattro mesi ormai. Ottenere qualcosa in cambio mi avrebbe finalmente dato un modo per andare avanti. Cosa posso / devo fare o non fare ??

  • Ivan Chan

    Ivan Chan

    13 giugno 2013 alle 14:37

    Ciao Mary,

    Mi dispiace che tu stia passando quello che stai attraversando e sono felice che tu abbia trovato qualcosa che ti aiuti a capire la tua esperienza.

    Abbattere e rialzarti fa parte del processo di lutto per la tua perdita. Ci saranno momenti in cui cose (come questo debito) saltano fuori e ti ricordano sentimenti dolorosi. È importante durante questi periodi cercare di notare per quanto tempo e con quanta intensità senti ogni guasto rispetto alle volte precedenti in cui sei stato distrutto. Ti riprendi un po 'più velocemente ogni volta? Quando lo fai, cosa potrebbe averti aiutato a recuperare più velocemente? In caso contrario, cosa potrebbe aver contribuito a rallentare il tuo recupero? Il progresso è misurato nel cambiamento, non in ciò che è lo stesso, e potresti sentirti meglio quando ti rendi conto di non sentirti così male come quando tutta questa cosa ti ha colpito per la prima volta.

    A volte, pensare alle cose in modo diverso ci aiuta anche a sentirle in modo diverso. Ad esempio, cosa succederebbe se considerassi i soldi, 'lezioni' per quello che hai imparato su te stesso e su persone come lui?

    Per quanto riguarda le tue ragioni per riavere la tua roba, direi due cose:

    1) Prendi un accordo con lui per riavere la tua roba. Vai con la famiglia e / o gli amici a prendere le tue cose, chiedigli di non essere presente se sarebbe utile. Rendilo il più semplice possibile, ad esempio, 'Rivoglio le mie cose. Fissiamo un momento in cui posso essere lì e raccogliere le mie cose quando non ci sei. Ci vorranno solo dieci minuti. Rendiamolo semplice e veloce. Puoi chiamarmi, inviarmi un'e-mail o un SMS con l'ora e la data. '

    2) Fai andare avanti nella tua vita indipendentemente da tutto ciò che fa o non fa. Altrimenti, ha ancora il controllo e tu stai rinunciando al controllo. La chiusura e il perdono sono in definitiva per te.

    Spero che possa aiutare!

    Stai attento,

    Ivan

  • Lida

    26 gennaio 2015 alle 14:09

    Di cosa si tratta in un individuo che la prospettiva di essere accettato o rifiutato da un'altra persona lo motiva e dipende dal suo interesse? Perché è quello che sta realmente accadendo. C'è qualcosa in una donna attratta dall'evitare il rifiuto che la trascina in queste situazioni. E non è che i bravi ragazzi diventino noiosi. È che le donne che combattono cronicamente il potenziale rifiuto ottengono la loro parte di conquista - essere accettate - da chi non fa differenza, potrebbe essere il ragazzo più caldo, cattivo, pericoloso e fico che abbia mai visto. Una volta che si sente accettata e la coazione a ripetere si è esercitata, in particolare se si manifesta in un modo che va contro la sua prospettiva personale (cioè: la dignità percepita), diventerà annoiata a fare una passeggiata. Non si trattava mai della relazione o dell'altra persona. Riguardava sempre la sua lotta interna per l'accettazione e il rifiuto finale di ciò quando ce l'ha.