Blog Di venicsorganic

Rutto, tosse, sbadiglio: indizi sorprendenti per le tue emozioni nascoste

La donna sbadiglia e copre la bocca allFinché è stereotipato essere interrogato sui propri sentimenti terapia , un comune contrario a questa domanda è: 'Non lo so!' oppure 'Non sento niente in questo momento'.

Parte del mio lavoro, quindi, è spesso quello di avvisare le persone della possibilità che stiano provando un sentimento e potrebbero trovarsi sulla sua strada.

Forse la parte più importante della terapia è chiederete stessoil domanda sui sentimenti quando sei fuori dall'ambulatorio. A quanto pare, ci sono alcuni segnali sorprendenti che potresti avere una sensazione. Diamo un'occhiata ad alcuni possibili indizi.



Oltre la storia

I sentimenti hanno meno logica dei pensieri. Molte persone che cercare supporto terapeutico hanno riflettuto avanti e indietro sul loro problema, ma potrebbero perdere l'aspetto emotivo.

Trova un terapista

Ricerca Avanzata

Le storie sono avvincenti. Quando una persona in terapia è un buon narratore, può essere avvincente. Naturalmente, probabilmente affascinano gli altri; non hanno bisogno di pagarmi per essere un membro in più del loro pubblico. Questo mi lascia con il compito un po 'impegnativo di intervenire.

'Va bene, ma cosa provi?' Chiedo.

A volte, ci sono segni fisici di qualcosa che viene vissuto internamente.

Indizi fisici ai sentimenti

No, non credo che ci sia un significato emotivo più profondo inqualunque cosa.

A volte la tosse è solo una tosse. Ma a volte, se sento che qualcuno sta offuscando il loro emozioni con un comportamento evitante, corro il rischio e faccio una domanda strana (se non impertinente) su cos'altro sta accadendo per loro. (La mia speranza è che la persona che viene da me per il supporto inizi a farlo da sola, al di fuori della terapia.)

Alcuni esempi che potrebbero essere formulati con maggiore attenzione al momento:

Certo, alcune persone ridono. Alcuni si arrabbiano. Ma una volta che si sono seduti con queste domande, un buon 75% delle volte scopriamo qualcosa di cui non stavamo parlando e che ora possiamo portare nella stanza.

  • Burping:Cosa ti aspetta? In senso figurato, ovviamente.
  • Acqua potabile / caffè / tè:Cosa succederebbe se non bevessi quel sorso adesso? Cosa potresti ingoiare?
  • Andare in bagno durante una seduta:È possibile che tu sia incazzato con me?
  • Sbadigli o espressioni di stanchezza:Quali sentimenti vengono messi a dormire?

Certo, alcune persone ridono. Alcuni si arrabbiano. Ma una volta che si sono seduti con queste domande, un buon 75% delle volte scopriamo qualcosa di cui non stavamo parlando e che ora possiamo portare nella stanza.

Sono stato dall'altra parte. Molte volte. Tutto questo deriva da anni in cui il mio terapeuta mi ha posto queste domande a volte ridicole, a volte assurde, ma spesso accurate e utili.

A volte ho solo bisogno di fare pipì, ma so quanto ho lavorato sul mio rabbia , quindi non fa male prendersi qualche minuto per esplorare se sto trattenendo qualcosa. Forse è una lieve irritazione il fatto che il mio terapista non mi stia 'prendendo' oggi. Forse è piena di rabbia per qualcosa che ho riempito.

Questi sono solo alcuni possibili indizi. Conosci te stesso. Quali tic fisici possono essere un'indicazione di un sentimento per te?

E adesso cosa?

Il feedback che ricevo dopo aver espresso queste cose a una persona in terapia è di solito: 'Ok, e adesso?'

Bene, ora puoi lasciare che la sensazione sia. Ora puoi uscire dalla tua storia. Ora puoi parcheggiare i tuoi pensieri e vedere cosa potrebbe guidare. Puoi esaminare cosa potrebbe ostacolare la connessione con il tuo partner. Puoi considerare cosa potrebbe impedirti di portare a termine compiti per un capo che non ti piace.

Quando puoi riconoscere i tuoi sentimenti, non devi spendere energia per soffocarli e nasconderli agli altri.

Ehi, sei uno dei fortunati. Sei in terapia. Puoi esprimere quella sensazione senza giudizio e senza che essa prenda il controllo di te.

Chi sapeva che un rutto apparentemente intempestivo potesse contenere così tanto?

(Mi scusi.)

Copyright 2018 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati. Autorizzazione alla pubblicazione concessa da Justin Lioi, LCSW, terapista a Brooklyn, New York

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore di cui sopra. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati sotto forma di commento.

  • 8 commenti
  • Lascia un commento
  • Jennifer

    23 maggio 2018 alle 18:47

    Questo è interessante! Una volta ho avuto un attacco di tosse alla fine di un esercizio di consapevolezza del corpo, e mi è venuto in mente 'cosa sto cercando di togliere dal mio corpo?'. È convalidante sentire che potrebbe esserci stato qualcosa.

  • Justin Lioi

    Justin Lioi

    7 giugno 2018 alle 10:20

    Assolutamente, Jennifer, grazie per aver scritto!

  • Debbie

    24 maggio 2018 alle 9:29

    Il mio terapista mi chiede sempre dove provo l'emozione nel mio corpo. Spesso è nello stomaco. La domanda successiva è sempre: 'qual è l'emozione?' Va sempre alla radice del problema. Spaventato, arrabbiato, senza speranza, triste.

  • Justin Lioi

    Justin Lioi

    7 giugno 2018 alle 10:21

    È incredibile come tutto sia connesso, giusto?

  • Mazza

    25 maggio 2018 alle 3:22

    In una seduta, una volta ho detto alla terapeuta qualcosa che mi è sembrato difficile dire su di lei. Alla fine della seduta ho avuto un attacco di tosse e lei ha detto “È meglio toglierselo dal petto”… Esatto! Credo a queste cose.

  • Justin Lioi

    Justin Lioi

    7 giugno 2018 alle 10:22

    Haha sì!

  • BB

    31 maggio 2018 alle 11:01

    E le scoregge? Sicuramente potrebbero significare anche qualcosa :)

  • Justin Lioi

    Justin Lioi

    7 giugno 2018 alle 10:23

    Più probabilmente!