Blog Di venicsorganic

I trattamenti complementari e alternativi possono aiutare con l'ADHD?

Bambino che sembra scontentosi stima che colpisca quasi il 10% dei bambini in età scolare. Quasi la metà di questi bambini ricevere farmaci nel tentativo di gestire i sintomi. L'ADHD colpisce più ragazzi che ragazze ed è caratterizzato da difficoltà di concentrazione o attenzione e, talvolta, da gradi di impulsività e / o aumento dell'attività non appropriati (ad es. Irrequietezza, irrequietezza o parlare eccessivamente). Questi comportamenti spesso provocano difficoltà a scuola, a casa e quando si interagisce con i coetanei.

Si ritiene che le possibili cause dell'ADHD siano una combinazione di fattori genetici e ambientali, come lesioni cerebrali, basso peso alla nascita, fumo materno o uso di alcol durante la gravidanza, parto prematuro ed esposizione a tossine come il piombo. Sebbene l'attuale ricerca non supporti un nesso causale tra fattori come la dieta di un bambino, lo stress familiare, la quantità di televisione guardata o l'esposizione ad additivi alimentari, alcune ricerche suggeriscono che questi possono esacerbare i sintomi in alcuni bambini con ADHD.

Il trattamento raccomandato per l'ADHD è una combinazione di terapia comportamentale e farmaci. Inoltre, è importante che la scuola e la famiglia del bambino collaborino nell'aiutare a rafforzare il piano comportamentale. Per alcuni bambini, tuttavia, anche con questo approccio, i sintomi possono interferire con il funzionamento e provocare disagio significativo e problemi di umore .



Un recente articolo di revisione ha esaminato la ricerca riguardante una serie di approcci complementari e alternativi (CAM) che possono migliorare ulteriormente i sintomi. C'è più supporto di ricerca per alcune di queste raccomandazioni rispetto ad altre e, al momento, le raccomandazioni di trattamento generalmente accettate rimangono limitate a quelle sopra elencate. Tuttavia, alcuni bambini possono trarre vantaggio dal provare uno o più di questi approcci.

Le raccomandazioni degli autori erano le seguenti:

  • Prova un integratore probiotico. Un'ipotesi è che l'ipersensibilità a determinati alimenti possa predisporre quelli con ADHD a una risposta infiammatoria intensificata. Gli autori ipotizzano che l'aggiunta di un probiotico possa aiutare a mitigare questo effetto.
  • Elimina la maggior parte degli additivi alimentari dalla dieta. Nello specifico, si ritiene che l'eliminazione del benzoato di sodio e dei coloranti alimentari artificiali dalla dieta aiuti alcuni bambini. Sforzati di limitare la dieta a scelte alimentari sane e poco elaborate o non lavorate.
  • Aumenta l'assunzione alimentare di acidi grassi Omega-3 nella dieta. Considera cibi come pesce grasso e noci o, in consultazione con il tuo pediatra, integratori. Si pensa che ciò migliori la ricezione dei neurotrasmettitori (sostanze chimiche presenti nel cervello) e protegga le strutture nel cervello, aiutando con l'umore, l'attenzione e possibilmente il comportamento.
  • Enfatizza le proteine ​​magre e riduci o elimina il consumo di carboidrati raffinati. Evita lo zucchero, il pane bianco e altri cereali lavorati. Acquista biologico quando possibile. Avere quantità moderate di carboidrati complessi (ad esempio riso integrale, fagioli, legumi) e aumentare il consumo di frutta e verdura a basso contenuto di amido. Si pensa che il consumo di carboidrati raffinati possa peggiorare sintomi come disattenzione e irritabilità .
  • Limita la visione della televisione a meno di due ore al giorno. Si ritiene che guardare la TV ostacoli il coinvolgimento in attività che incoraggiano l'attenzione e la concentrazione, come la lettura, e può rendere difficile per i bambini tollerare momenti in cui non vengono stimolati attivamente.
  • Fai esercizio aerobico regolare. Questo può aiutare con l'umore, la memoria, la concentrazione e l'apprendimento. L'esercizio di gruppo può anche aiutare a sviluppare migliori abilità sociali.
  • Prendi in considerazione l'integrazione con vitamina B6, magnesio, ferro, zinco e calcio. Ciò potrebbe aiutare con iperattività, irritabilità e irrequietezza.

Naturalmente, è importante discutere qualsiasi potenziale aggiunta o modifica alla dieta o agli integratori con il pediatra di tuo figlio e gli altri membri del team di trattamento.

Gli autori hanno anche raccomandato altri approcci che esulano dallo scopo di questo articolo; questi possono essere trovati nel testo completo dell'articolo a cui si fa riferimento di seguito. Le mie raccomandazioni aggiuntive sono di cercare di rimanere pazienti con tuo figlio, poiché il tuo sostegno è essenziale per il suo benessere; e se lo stress sembra troppo da gestire, i genitori dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di consultare un professionista che possa fornire supporto gestione dello stress .

Per ulteriori informazioni sulla revisione di cui sopra o altre informazioni sull'ADHD, consultare le risorse seguenti:

  1. Pellow, J., Solomon, E. e Barnard, C. N. (2011). Terapie mediche complementari e alternative per bambini con disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD).Revisione della medicina alternativa, 16(4), 323-337.
  2. Centri per il controllo delle malattie: fatti sull'ADHD. http://www.cdc.gov/NCBDDD/adhd/facts.html
  3. Istituto Nazionale di Salute Mentale: Sindrome da deficit di attenzione e iperattività. http://www.nimh.nih.gov/health/publications/attention-deficit-hyperactivity-disorder/complete-index.shtml

Copyright 2012 venicsorganic.com. Tutti i diritti riservati.

L'articolo precedente è stato scritto esclusivamente dall'autore sopra citato. Eventuali opinioni e opinioni espresse non sono necessariamente condivise da venicsorganic.com. Domande o dubbi sull'articolo precedente possono essere indirizzati all'autore o pubblicati come commento di seguito.

  • 4 commenti
  • Lascia un commento
  • leah

    4 dicembre 2012 alle 4:05

    Una cosa che ha funzionato per mio figlio è passare tutti noi a una dieta priva di glutine
    Abbiamo lavorato a stretto contatto con il suo pediatra per trovare quello che potrebbe essere l'approccio migliore per curare il suo ADHD, poiché non volevo dipendere esclusivamente dai farmaci per lui.
    Ci siamo imbattuti in alcune ricerche sulla sensibilità alimentare e su come questo ha causato cambiamenti comportamentali in alcuni bambini, quindi abbiamo deciso di esplorarlo un po 'più a fondo e dopo alcuni tentativi ed errori abbiamo scoperto che andare senza glutine ha fatto sentire tutti molto meglio
    E anche il comportamento di Seth è migliorato, quindi è stato solo un ulteriore vantaggio
    Incoraggio qualsiasi genitore che si occupa di questi problemi a guardare oltre la promessa dei soli farmaci per aiutare i propri figli perché ci sono così tante altre opzioni più sane disponibili se trovi quelle giuste da provare

  • favorire

    4 dicembre 2012 alle 06:28

    i tassi di ADHD nel nostro paese sembrano essere in aumento. Penso che attualmente siano oltre l'8%. Certamente credo che trattamenti e precauzioni complementari possano aiutare. Ora tornando alle statistiche, perché c'è un aumento? È perché lo siamo coinvolgere effettivamente i nostri figli in diete e attività che vanno nella direzione opposta di questi trattamenti complementari? Se i trattamenti complementari possono aiutare, una diminuzione dei primi può aumentare i tassi di ADHD?

    Dico questo perché se guardiamo solo ad alcune cose menzionate qui - come il cibo - stiamo consumando più alimenti trasformati che mai - e anche la visione della TV tra i bambini è ora più che mai. Stiamo creando problemi con il nostro stile di vita scelto ?!

  • KATE

    4 dicembre 2012 alle 23:22

    Penso che questi siano buoni consigli non solo contro l'ADHD ma in generale. Sembrano scelte salutari che possono aiutare le persone con e senza ADHD. Non c'è niente di sbagliato nel seguire le buone pratiche ora, c'è!

  • Perde Stein

    Perde Stein

    5 dicembre 2012 alle 9:24

    Grazie per i vostri commenti. @ Sì, è meraviglioso che diventare senza glutine sia stato utile. @Foster - Penso che sia una buona domanda, ma purtroppo non so se al momento ci sia una risposta definitiva. Certamente, sia la dieta americana che l'approvvigionamento alimentare sono cambiati molto negli ultimi 50 anni. Le nostre abitudini sono cambiate anche come cultura (mangiare di più fuori, più guardare la TV e meno giochi all'aperto, meno tempo ricreativo in generale, diversi prodotti chimici nel nostro ambiente, ecc.). Al momento, i fattori che sono considerati cause plausibili sono elencati sopra, tuttavia, penso che siamo tutti in qualche modo influenzati dai cambiamenti che ho appena menzionato.

    Un altro problema in discussione è in che misura l'aumento è dovuto a una maggiore attenzione / consapevolezza di questo argomento che si traduce in più diagnosi (piuttosto che in più casi reali), ma anche questo non è chiaro. Un argomento molto importante e complesso. Apportare i cambiamenti suggeriti sopra può essere una scelta salutare per tutti, non solo per quelli con ADHD, quindi vale la pena considerare di farne alcuni o tutti, insieme al proprio team di assistenza sanitaria.